mercoledì, giugno 20

Disease X, il virus che fa paura al mondo E' stata aggiunta all'elenco delle potenziali epidemie globali che potrebbero uccidere milioni di persone, affiancandosi a patologie gravissime come Ebola, la SARS e Zika

0

Una malattia sconosciuta e che fa paura a scienziati di tutto il mondo. Si tratta di Disease X, per la quale l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha convocato un comitato di esperti per cercare di trovare eventuali soluzioni.

Al momento, Disease X è stata aggiunta all’elenco delle potenziali epidemie globali che potrebbero uccidere milioni di persone, affiancandosi a patologie gravissime come Ebola, la SARS e Zika. Non si sa da dove viene, né come combatterla. Si pensa sia una strana mutazione biologica, ma c’è anche chi ipotizza un attacco terroristico. «Disease X rappresenta la consapevolezza che una grave epidemia internazionale potrebbe essere causata da un agente patogeno attualmente sconosciuto», spiegano gli esperti dell’OMS.

Al momento, la teoria più accreditata è che Disease X abbia come fonte una patologia zoonotica. Si tratta di patologie presenti negli animali che potrebbero presentarsi in maniera aggressiva negli esseri umani. Forse la malattia X è stata diffusa da animali da allevamento: potrebbe essere una mutazione persistente dell’influenza aviaria. Ma anche trasmessa da zecche o maiali.

Per il consigliere dell’organizzazione, Marion Koopmans, «l’intensità del contatto umano e animale sta crescendo sempre di più con lo sviluppo del mondo, e questo rende più facile l’emergere di nuove malattie. Ma anche i viaggi e il commercio moderni rendono molto più probabile la loro diffusione».

Una possibile fonte di Disease X, inoltre, potrebbe essere la sua diffusione intenzionale come arma da parte di Stati ‘canaglia’ o di terroristi.

(video tratto dal canale Youtube di IBTimes UK)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore