Cultura&Società News

La trinacria rivive sulle mura di casa

Decolution: la Sicilia a portata di click

Intervista all'architetto e ideatore della carta da parati che 'parla' siciliano: Violetta Scandurra

violettascandurra
Advertising

Le intuizioni spesso fanno sbocciare buone idee che poi diventano progetti e lavoro. In una terra come la Sicilia dove il lavoro manca, ma le idee no, ecco che c’è ancora chi decide di puntare sulle intuizioni, a volte folli, a volte meno. Aziende come Decolution (ditta che si occupa d’interni e di arredamento tutto in modalità 2.0) che ha deciso di puntare sull’Isola a tre punte, in particolare, sulla punta più a Sud. Si perché come è noto, più si scende a Sud, più la situazione lavorativa peggiora e la crisi attanaglia famiglie intere. Ma ecco che arrivano in aiuto del singolo le intuizioni di cui parlavamo prima, ecco che un lavoro si trasforma in arte, ecco che la passione diventa lavoro e il lavoro ‘passionale’ regala quello sbalzo necessario per saltare il fosso diventando spesso arte, e l’arte è capace di raccontare una terra forse più di mille parole.

Nasce così il progetto di una giovane siracusana, un giovane architetto che ha deciso di unire creatività e passione, lavoro ed inventiva per rilanciare una terra, la sua, realizzando carta da parati decorativa che racconta il suo lembo di terra, ma anche molto di più. Può una semplice carta da parati rappresentare una terra? Si, se chi la realizza non si limita a disegnare, a progettare una mera rappresentazione artistica di una terra ma, in quel progetto (quello nata dall’intuizione artistica) riesce a trasmettere odori, profumi e forme di una terra sfortunata. E così il profumo del mediterraneo, i colori di una terra che racchiude in se l’essenza della natura, i colori, i fiori, le forme, le architetture, la gastronomia, diventano motivo d’orgoglio, di ingegno e di lavoro. Forme geometriche che riportano la mente ai fasti della Sicilia Greca di Archimede sono state scelte da Decolution e da molte famiglie per rendere unica la propria abitazione.

Troppo semplice ridurre l’essenza siciliana al pomodoro o agli agrumi, alla mafia, a Falcone e Borsellino e tutti gli agenti di scorta deceduti, troppo riduttivo pensare solo al mare, troppo poco invece lo spazio per descrivere al meglio l’essenza vera della Sicilia o, come dice lo scrittore agrigentino Andrea Camilleri la ‘sicilitudine’. E allora come si fa? Ecco che ritorniamo alle intuizioni. Cosa meglio di una lunghissima e altissima parete bianca da decorare può far rivivere i fasti di un terra troppo martoriata e spesso dimenticata, una terra che, per sintetizzare Vecchioni, si lascia andare perché non crede più nella speranza tanto da abbandonare monumenti storici che meriterebbero attenzione. I siciliani (per natura o forse solo per abitudine) non credono in se stessi, non valorizzano le loro opere, la naturale bellezza della loro terra. Generalizzare sarebbe troppo facile (e troppo stupido) ed ecco perché in un momento storico di profonda crisi le grandi idee regalano progresso e innovazione.

L’idea dell’architetto Violetta Scandurra avallato da Decolution pensa alla casa, il luogo di tutti, quello dove tutti, a fine giornata facciamo ritorno, le ‘quattro mura’ che racchiudono la nostra intimità, raccolgono i nostri segreti. E allora perché non renderla il più accogliente possibile? Perché non personalizzarla fino a farla diventate essa stessa opera d’arte? Una casa, un luogo che racconta di noi senza parole. La Scandurra ha elaborato un progetto particolare, dove la sua terra prende forma. Carta da parati che racconta la sua isola, una carta da parati che racconta anche la storia di chi decide di acquistarla e che decide di vederla tutti i giorni attorno a se. Dalla famiglia che sceglie di avere in soggiorno le mura ricoperte dalla grande architettura della trinacria alla famiglia andata via in cerca di fortuna verso l’America nel non poi tanto lontano 1960 che vuole ‘addobbare’ una parte della propria casa Americana con un pezzo della propria terra natale. Un progetto artistico-architettonico per portare la Sicilia nel mondo grazie all’arte. Un progetto che oggi non poteva che essere 2.0 e quindi non esiste un vero e proprio negozio ma tutto passa, anzi ‘naviga’ in rete. Un mondo del tutto nuovo di arredare dove l’arte e l’intuizione si mescolano con la praticità. Chiunque può collegarsi, inserire le misure della propria parete, scegliere la carta e ordinare. Arriverà tutto a casa propria e via alle decorazioni, via alla fantasia e alla personalizzazione degli ambienti, quelli casalinghi quelli che, forse, più ci rappresentano.

Ma sentiamo adesso l’architetto siracusano Violetta Scandurra che con le sue ‘carte siciliane’ ha partecipato al progetto per valorizzare la creatività giovanile e lei, giovane siciliana, ha mescolato insieme la passione, l’ingegno, e tutto quello che la sua terra regala realizzando così piccole opere alla portata di tutti.

Native Advertising

2 commenti su “Decolution: la Sicilia a portata di click”

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>