sabato, maggio 26

Corea del Nord avverte Trump: ‘Non scherzate con il fuoco’

0

Le esercitazioni missilistiche e aeree congiunte degli Stati Uniti e della Corea del Sud contro la Corea del Nord non sono passate inosservate. Ed ecco arrivare subito la replica di Pyongyang, che tramite i propri quotidiani hanno accusato Washington di spingere la penisola al «punto di non ritorno» della guerra nucleare.

In particolare dalle colonne del quotidiano ‘Rodong Sinmun‘,  il regime ha accusato Usa e Corea del Sud di far alzare le tensioni in questa maniera. E il titolo del pezzo è inequivocabile: ‘Non giocate con fuoco su un barile di polvere’: «Gli Stati Uniti, con la loro pericolosa provocazione militare, stanno aumentando il rischio di una guerra nucleare sulla penisola portandolo a un punto di non ritorno», si legge nell’editoriale.

Pyongyang ha descritto l’esercitazione congiunta come «un pericoloso attacco militare di guerrafondai che tentano di innescare il fusibile di una guerra nucleare sulla penisola (…) Un piccolo errore di giudizio o un semplice errore può immediatamente portare all’inizio di una guerra nucleare che inevitabilmente porterà ad un’altra guerra mondiale».

In un altro commento il giornale il giornale accusa direttamente Trump dandogli del bugiardo: «Ciò dimostra che l’affermazione dell’amministrazione di Trump di ‘non invadere, ma garantire il sistema’ è una bugia enorme ed è solo un trucco per coprire la sua vera intenzione di muoverci guerra attraverso un attacco a sorpresa (…) Gli Usa dovrebbero chiaramente capire che l’opzione dell’attacco militare è un atto estremamente stupido, e fissa il collo al cappio. Trump dovrebbe sapere che la Rpdc ha un’opzione militare potente, quella di ridurre la terraferma degli Stati Uniti in cenere, per far fronte all’attacco militare Usa».

E accusa anche i vicini: «Le autorità della Corea del sud non potranno mai muoversi, una volta che la guerra scoppierà in quanto vogliono nascondere il tentativo degli Stati Uniti con parole come dialogo e ruolo guida. L’attacco militare contro la Rpdc sarà la peggiore opzione per accelerare la fine degli Stati Uniti e dei suoi burattini».

(video tratto dal canale Youtube di Associated Press)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.