venerdì, aprile 20

Cina, esercitazioni militari sotto gli occhi di Xi Jinping Più di 10.000 uomini tra aviatori, marinai e fanti di marina hanno partecipato alla più grande esercitazione navale che Pechino abbia organizzato nel Mar Cinese Meridionale

0

Più di 10.000 uomini tra aviatori, marinai e fanti di marina dell’Esercito della Cina hanno partecipato alla più grande esercitazione navale che Pechino abbia organizzato recentemente nel Mar Cinese Meridionale. A parteciparvi 48 navi e 76 aerei e lo scopo era quello di mostrare ciò che la marina cinese è stata in grado di fare da quando Xi Jinping ha preso il potere nel 2012.

L’esercitazione si è svolta dopo tre giorni di manovre nelle acque al largo della città portuale di Sanya. Secondo la stampa cinese si è trattato della «più grande del suo genere in 600 anni». Il presidente è salito a bordo del Changsha cacciatorpediniere lanciamissili da 7.623 tonnellate, varato nel 2015, per guardare le esercitazioni.

È stato il debutto mediatico anche dei sottomarini strategici 094A, armati di 12 missili balistici intercontinentali, ciascuno con una portata stimata di 7.400 chilometri.

In realtà l’avvio delle esercitazioni vicino Taiwan sarebbe dovuto ai recenti contatti che il governo di Taipei ha intrattenuto con l’amministrazione Trump. E nel frattempo, anche Taiwan ha mostrato le sue armi: il presidente taiwanese Tsai Ing-wen infatti ha ispezionato le truppe in una base navale nella contea nord-orientale dello Yilan.

(video tratto dal canale Youtube del Telegraph)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.