martedì, agosto 21

Cina: ecco Ehang 184, il primo drone per il trasporto di passeggeri Dovrebbe essere in grado di sollevare in aria con decollo verticale ben 100 chili di passeggero più un piccolo bagaglio, e trasportarlo per 23-30 minuti volando a bassa quota, per una distanza di 50 km, alla velocità massima di 160 km/h..

0

Il primo drone quadricottero abilitato al trasporto di passeggeri si chiama Ehang 184. E’ stato testato lo scorso anno a Dubai. Nel video, sono mostrati alcuni test del drone (sia modello con sedile singolo che doppio) con equipaggio a bordo., anche in condizioni climatiche che rendono difficile il volo. Era  stato presentato per la prima volta al CES 2016. 

Secondo i dati diffusi dall’ azienda, il modello monoposto dovrebbe essere in grado di sollevare in aria con decollo verticale ben 100 chili di passeggero più un piccolo bagaglio, e trasportarlo per 23-30 minuti volando a bassa quota, per una distanza di 50 km, alla velocità massima di 160 km/h.. Il passeggero, una volta seduto nell’ abitacolo, dovrà soltanto scegliere la destinazione attraverso il pannello touch posto davanti a lui. Il drone dovrebbe essere controllato a distanza da una sala di controllo che gestirà il velivolo attraverso una connessione internet 4G.

(Video tratto dal canale Youtube Euronews)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore