giovedì, maggio 24

Cina, Asia e la corsa ai sommergibili e agli armamenti navali

0

E’ corsa al sommergibile in tutta l’Asia. A dirlo sono gli esperti, visti anche gli sforzi della Cina di espandere la propria flotta che ha rimescolato le carte in tutto il quadrante asiatico. Il ‘Financial Times‘ parla di un «rapido accumulo di sottomarini nel Pacifico occidentale che sta alimentando la domanda asiatica per navi con tecnologia avanzata. Il numero di sottomarini nella regione dovrebbe aumentare a 250 da 200 entro otto anni, secondo la difesa di Singapore […] Le navi da crociera a lungo raggio rappresentano una sfida per i progettisti che cercano di tenere aperto il mercato asiatico».

«Il trend comune che attraversa questi sviluppi è l’introduzione di sottomarini sempre più moderni, capaci e silenziosi», ha detto Paul Burton, direttore di difesa dell’Asia-Pacifico presso l’IHS Jane. Le manovre della Cina nel mercato dei sottomarini stanno spaventando i vicini. Ma Pechino ha anche utilizzato la corsa agli armamenti per attirare alcuni Paesi vicini nella sua orbita, ad esempio il corteggiamento della Thailandia con un accordo controverso per l’acquisto di sottomarini cinesi.

E’ stata vista anche come una vittoria della Cina la decisione dell’Australia lo scorso anno di scegliere imprese francesi al posto di quelle giapponesi per i suoi armamenti. Come l’Australia,  anche l’India, il Pakistan, la Corea del Sud, l’Indonesia e il Myanmar vogliono espandere le proprie flotte. Negli anni a venire, secondo gli esperti, ciò creerà una situazione di insicurezza generale, con uno spionaggio industriale più sviluppato, visto che la Cina e i suoi rivali cercheranno di tenere d’occhio le proprie capacità.

(video tratto dal canale Youtube di Al Jazeera)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.