mercoledì, luglio 18

Christine Keeler e la fama con lo Scandalo Profumo Fu in un party nel Buckinghamshire che Ward la presentò il ministro della Guerra britannico. E da lì...

0

E’ stata un’icona di bellezza ma non solo. Christine Keeler, morta lunedì all’età di 75 anni in una cittadina inglese dell’Hampshire, è stata anche al centro di diverse torride relazioni sessuali che sono passate alla storia. In particolare una vicenda ha causato le dimissioni di un ministro e soprattutto contribuirono alla caduta del governo conservatore guidato da Harold Macmillan.

Non ancora ventenne, Christine Keeler ballava nei cabaret. A introdurla nell’upper class Stephen Ward, «una spia, amico di uomini potenti nel governo, nell’aristocrazia e perfino nella famiglia reale», avrebbe scritto lei nelle sue memorie. Fu in un party nel Buckinghamshire che Ward la presentò a John Profumo, il ministro della Guerra. Si creò una storia tra i due, peccato però che lei frequentasse anche Eugene Ivanov, addetto navale dell’ambasciata sovietica a Londra nonché agente del Gru, i servizi militari. E quando inevitabilmente la storia venne fuori, fu lo scandalo del secolo, coinvolgendo la sicurezza nazionale. Si temette che tra le lenzuola fossero stati scambiati anche preziosi segreti militari: per questo il ministro fu costretto a dimettersi, seguito qualche mese dopo dal premier.

A far emergere lo scandalo era stato il gesto sconsiderato di un altro amante della Keeler, Johnny Edgecombe, geloso al punto da sparare alcuni colpi di pistola fuori dalla casa del dottor Ward, dove lei era solita alloggiare. Nel processo che ne era seguito, la relazione della ragazza con il ministro era diventata di dominio pubblico. Per questa causa si fece anche lei 6 mesi di carcere per falsa testimonianza e ostruzione alla giustizia, nel tentativo di proteggere un altro amante, Aloysius Gordon.

(video tratto dal canale Youtube di The Telegraph)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.