mercoledì, settembre 19

CES 2018: riecco Aibo, il cane robot Era stato lanciato nel 2006 e ora torna con tante novità e soprattutto con un look più accattivante

0

Come da tradizione al CES di Las Vegas, la Sony è arrivata con molte novità. In poco meno di un’ora Kazuo Hirai, presidente e Ceo dell’azienda, ha snocciolato numeri e novità che arriveranno sul mercato nel corso dell’anno, in particolare sul versante tv e quello delle cuffie per gli sportivi. Ma l’attenzione è stata anche per il ritorno sulla scena di Aibo, il cane robot lanciato nel 2006 e ora rinnovato con un look più accattivante.

Il cane robot è stato tenuto proprio per la fine da Hirai. Aibo ha due display Oled sugli occhi per esprimere delle emozioni e può interagire con l’ambiente grazie a sensori e telecamere nascoste al suo interno.

«La differenza con un vero cane? Che Aibo non devi portarlo fuori a fare la passeggiata, magari mentre piove o nevica», ha spiegato Brian Butler di Sony: «Può fare tantissimi movimenti, ha un osso e una pallina con cui può interagire e riconosce la voce che gli parla di più».

Per ora è in vendita solo in Giappone a circa 1500 euro. Ancora c’è da capire se e quando sbarcherà in Europa. Ma qui forse c’è ancora qualcuno che preferisce i cani, quelli veri.

(video tratto dal canale Youtube della BBC)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.