Navigazione: Speciale 3 anni di IS

Italia
Minaccia ISIS all’Italia? Probabile
E' assai probabile che possano essere realizzati anche nelle nostre città in quanto non necessitano di particolari studi e/o pianificazioni sofisticate
di

Il gruppo è disperato ed è alla ricerca di una rivalsa/compensazione, e gli attacchi dei lupi solitari non solo servono a questo scopo, ma sono anche un importante moltiplicatore di forza

ItaliaEsteri
Nizza: la strage un anno dopo
Commemorazioni con polemiche di quell'attentato che sembrò aver fatto capitolare la Francia
di

84 persone morte, 450 feriti, l’ingresso sulla scena europea del ‘terrorismo veicolare’, per mano di un ‘lupo solitario’ che “probabilmente non ha mai incontrato nessun uomo dello Stato Islamico, ma non ne ha avuto bisogno: ha raccolto il messaggio seduto davanti a un computer”.

ItaliaEsteriEsteri
Dopo Mosul è la volta di Raqqa
Gli USA e i ribelli siriani all'assalto della capitale del Califfato
di

Militari americani sono entrati nel cuore della città siriana di Raqqa, l’ultima roccaforte dello Stato Islamico (Is) in Siria. Lo ha detto ieri un portavoce dell’Esercito…

ItaliaEsteriEsteriEsteri
Stato Islamico: e ora cosa accadrà?
Il quadro della situazione attuale del territorio IS in Iraq e in Siria con Nicola Fedeli dell’Alpha Institute of Geopolitics and IntelligenceIl quadro della situazione attuale del territorio IS in Iraq e in Siria con Nicola Fedeli dell’Alpha Institute of Geopolitics and Intelligence
di

Quando lo Stato Islamico, sarà ‘debellato’ dal territorio e dovrà rinunciare all’idea di controllare un territorio, sarà interessante vedere cosa succederà alla coalizione. Questo perché l’unico attore che tiene un po’ insieme le varie parti è proprio il nemico comune, quindi, una volta tolto questo, bisognerà vedere. Poi l’insistenza nel parlare dello Stato Islamico in Siria, certe volte fa passare in secondo piano gruppi come Jabhat al-Nusra o Ahrar al-Sham che sono attori da una strategia più di lungo termine, più sofisticata e pragmatica.

ItaliaEsteriEsteriEsteriEsteri
Isis, una seconda vita in Africa?
Ormai in rotta in Medio-Oriente, sembra guardare al continente africano come ad un luogo perfetto per riorganizzare la propria attività. Ne abbiamo discusso con Marco Di Liddo
di

Daesh, grazie all’attività dei gruppi africani, dimostra al mondo di essere diffuso in maniera capillare. I fronti locali di insorgenza grazie alla benedizione dello Stato Islamico si trasformano in fronti locali di un jihad globale

ItaliaEsteriEsteriEsteriEsteriEsteri
Filippine e Indonesia in lotta contro l’ISIS: la paura del Modello Marawi
Ecco due Nazioni dove non si ha alcuna percezione di una guerra che volge al termine, come dicono i media
di

Si teme che lo sbarco dello Stato Islamico in terra filippina possa diventare un fenomeno diffuso anche in Indonesia, la Nazione islamica più popolosa al Mondo e dove si combatte il proselitismo Daesh fin dalle Elementari

ItaliaEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteri
Mosul: una riconquista simbolo della fine del falso Stato Islamico
Il significato simbolico e il valore strategico della riconquista della capitale in Iraq del gruppo jihadista
di

La battaglia, che dura da otto mesi, si concluderà nel giro di qualche giorno, nelle mani dell’Isis resta soltanto una zona larga 850 metri e lunga 1.700

ItaliaEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteri
ISIS: parabola veramente discendente?
L'Isis perde terreno, ma la sua parabola è veramente in fase discendente? Risponde Elvio Rotondo
di

«Lo Stato islamico sembra finito» queste le parole del Ministro della Difesa iracheno sulla base degli ultimi progressi ottenuti dall’ esercito. Proprio in queste ore, infatti,…

ItaliaEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteri
Isis: dallo ‘Stato’ allo stato liquido
Come si è evoluto il territorio del Califfato in questi tre anni fino allo stato attuale del 'fenomeno Isis'
di

Nel Giugno del 2014, l’Isis era a capo di un territorio di 45.659 chilometri; nel 2015 il territorio perso dall’IS è il 28% delle aree precedentemente conquistate di Iraq e Siria; nel 2016 la sua ampiezza territoriale scende a 35.788 chilometri quadrati. Le uniche aree ancora sotto il controllo dell’IS sono quelle desertiche.

ItaliaEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteri
Stato Islamico: ecco come ti convinco e ti anniento
Strategie di welfare, comunicazione e policy brand dello Stato Islamico
di

Cinque gli obiettivi della loro propaganda: l’imposizione del loro come di uno Stato, la visione del Califfato come l’unico autorizzato a delegittimare gli altri jihadisti, il reclutamento di militanti, l’intento di provocare i Paesi occidentali e l’eliminazione della distinzione tra individualisti ed affiliati veri e propri.

ItaliaEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteri
La parabola dei tre anni dello Stato Islamico
La ricostruzione della nascita e dello sviluppo dello Stato Islamico dal discorso di Al Baghdadi del 24 Giugno 2014 ad oggi
di

6 milioni di persone sotto il suo territorio, all’inizio solo 1000 combattenti, poi oltre 30.000 i militanti del Califfato, patrimonio stimato, nel 2014, intorno ai 2 miliardi di dollari

1 2 3 9