Navigazione: Italia

ItaliaItaliaItalia
Dal Rosatellum ai migranti: il filo rosso della latitanza politica La politica che riconosce implicitamente la sua drammatica fragilitàche politica è quella che non ha al centro un leader ma un accordo tra partiti?
di

La sinistra che si presenta alle elezioni preoccupa non perché litiga (e prima o poi questo tema dovrà pur essere affrontato senza mezze misure), ma perché tentenna ogni volta che deve affermare con forza le ragioni dell’essere di sinistra.

ItaliaItaliaItaliaItalia
UE-NATO: nuovi equilibri per l’Italia, con o senza il 2% del PIL La Difesa comune europea e il contestuale rafforzamento di una dimensione autonoma. L’Italia come attore chiave, tra vincoli di bilancio e capacità strategica
di

Aragona: ‘E’ probabile che vi sia uno spazio maggiore per creare un Centro di comando e pianificazione europeo che sia credibile e che possa svilupparsi senza suscitare eccessivi sospetti in ambito atlantico. Italia e Germania in prima linea’

ItaliaItaliaItaliaItaliaItaliaItaliaItalia
Italia prigioniera del ‘pregiudizio di conferma’? Il sondaggio del LAPS raccontato da Pierangelo Isernia, Professore di Relazioni Internazionali e Metodologia della Scienza Politica dell’Università di Siena
di

Il ‘pregiudizio di conferma’ (o ‘confirmation bias’), un meccanismo cognitivo che ci porta a riordinare elementi di realtà secondo le nostre convinzioni pregresse, diventa una funzione-chiave della comunicazione politica, oggi potenziata dal ricorso ai social network.

ItaliaItaliaItaliaItaliaItaliaItaliaItaliaItaliaItaliaItaliaItalia
Fra diplomazia e moral suasion: il Vaticano in campo per il disarmo nucleare Le analisi del Monsignor Silvano Maria Tomasi e del Professor Paolo Antonio Valvo sul ruolo della Santa Sede nel processo di disarmo nucleare
di

Una tradizione diplomatica consolidata e un forte potere di moral suasion consentono alla Santa Sede di rivestire un ruolo da protagonista nella partita. Un cammino certamente non facile, come dimostrato anche dalla delicata questione nordcoreana

ItaliaItaliaItaliaItaliaItaliaItaliaItaliaItaliaItaliaItaliaItaliaItalia
La Sicilia che vota e, distrattamente, scompare In Sicilia si rema quasi tutti dalla stessa parte, quella sbagliata, c’è uno Stato pagatore e politici locali che comprano voti distribuendo ciò che arriva da quello; chi rompe questo patto viene spento
di

La Sicilia merita di sopravvivere a se stessa, dico ‘a se stessa’ perché è causa di tutti i suoi mali, nessuno escluso, ma andrebbe riprogrammata, innanzi tutto con una gigantesca Norimberga per tutti coloro che si sono alternati al potere, da estendere alle coscienze degli elettori predoni

ItaliaItaliaItaliaItaliaItaliaItaliaItaliaItaliaItaliaItaliaItaliaItaliaItalia
PD: amara lezione dalla Sicilia, guardando alle politiche 2018 Renzi non ne trarrà le conseguenze, e intanto lavora per costituire attorno al PD una sorta di costellazione per il 2018
di

Nel caso di una possibile maggioranza che veda, oltre al PD e i suoi ‘cespugli’ Alfano e Verdini da una parte, Bersani e la sinistra dall’altra, chi è il più adatto a serrare i ranghi di questa armata Brancaleone, Renzi o Gentiloni? Il resto, viene da sè…

1 2 3 21