Navigazione: Esteri

EsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteri
Francia: Macron, dopo la pizza patrimonio Unesco, perché non la baguette? «Bisogna conservare quest’eccellenza e il savoir faire ed è per questa ragione che si deve iscrivere la baguette nel patrimonio mondiale» ha detto il presidente
di

Macron ha accolto con entusiasmo l’ iniziativa lanciata dal presidente della Confederazione nazionale della panetteria-pasticceria francese, Dominique Anract, che ha affiancato la baguette alla Tour Eiffel, come “uno dei principali simboli della Francia”.

EsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteri Germania Grosse-Koalition
Germania: sì a Grosse-Koalition, governo entro Pasqua Trump, bufera per frasi su Paesi dei migranti. Il presidente Usa cancella visita a Londra ma è pronto a rinnovare il congelamento delle sanzioni all'Iran
di

Dopo mesi di trattative, finalmente la svolta: in Germania la Grosse-Koalition si farà. I negoziatori dell’Unione (Cdu-Csu) e ora anche quelli del Spd hanno infatti dato parere positivo all’intesa raggiunta dai dirigenti dei tre partiti e rispettivi capi-gruppo.

EsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteri
Bergoglio e l’America Latina: Cile e Perù alla vigilia del nuovo viaggio apostolico La situazione politica, economica e sociale di Cile e Perù e le prospettive del viaggio di Bergoglio: ne parliamo con Gilberto Bonalumi (ex-Parlamentare e consulente ISPI)
di

Dal 15 al 22 gennaio prossimi, si svolgerà il ventiduesimo viaggio apostolico di Papa Bergoglio: le tappe del viaggio saranno Cile e Perù. Non è la prima volta che Bergoglio viaggia in America Latina; questa volta, però, la particolarità del viaggio riguarda le affinità e le differenze tra i due Paesi, entrambi con una storia di dittature

EsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteri
EsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteri
Angola, nuovo attacco ai Dos Santos E' toccato a Filomeno, a capo del Fondo Sovrano dell'Angola; prossime 'vittime' il resto della famiglia e poi il 'padre della patria', Josè Eduardo
di

Secondo gli analisti: questa è la mossa più aggressiva di Lourenco, che ha una sola possibilità di vincere la battaglia contro i Dos Santos: riformare l’economia prendendo il controllo del potere politico e finanziario angolano sottraendolo dai Dos Santos

EsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteri
Catalogna: riuscirà Puigdemont a riprendere la guida della Generalitad? Per non rischiare l' arresto, potrebbe delegare un altro deputato a leggere il suo discorso e poi farsi votare oppure leggere lui stesso il discorso, ma in videoconferenza dall' estero.
di

In attesa della prima riunione del nuovo parlamento catalano prevista per la prossima settimana, a confermare Carles Puigdemont alla guida della Generalitad, nella notte tra il 9 e il 10 gennaio, come sostenuto dal portavoce dell’ex presidente catalano,  Joan Maria Pique’, i due principali secessionisti catalani, Junts per Catalunya e Esquerra Republicana de Catalunya (Erc).

EsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteri
Arabia Saudita: nucleare ad uso civile o (anche) militare? L'Arabia Saudita non avrebbe interessi militari a breve, ma nel lungo periodo lo scenario potrebbe cambiare e molto dipenderà da come evolverà il nucleare iraniano
di

Piuttosto che intraprendere un programma militare in segreto, il regno saudita si starebbe concentrando nella costruzione di infrastrutture nucleari a scopo civile e nel potenziamento della tecnologia. Dall’uso civile si potrebbe poi passare a quello militare

EsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteri
Trump: e se non mandasse all’aria il patto nucleare con l’Iran? Le ultime infatti vogliono che il tycoon, che deve decidere in settimana, lasci in vigore per il momento il JCPOA, promulgato nel 2015
di

Il tutto nonostante il presidente abbia ripetuto qualche settimana fa che quell’accordo è il peggiore possibile, ed è stato ‘violato sistematicamente nello spirito’ dalla leadership della Repubblica islamica