Navigazione: Esteri

Esteri
Arabia Saudita: pace in Yemen? E’ l’Iran è il principale ostacolo Intervista esclusiva con Abdullah bin Abdulaziz al Rabeeah, Consigliere Reale e Supervisore Generale del King Salman Humanitarian Aid and Relief Center
di

‘Chi si rifiuta di partecipare ai negoziati e di accettare proposte pacifiche sono le milizie Houthi, sotto stretto supporto dell’Iran. Hezbollah rappresenta un rischio per i Paesi vicini al Libano. Non è un allarme solo per l’Arabia Saudita, ma dovrebbe di fatto allarmare tutti noi’

EsteriEsteriEsteri
Kurdistan: Corte suprema federale irachena, referendum incostituzionale Questa decisione è 'stata presa unilateralmente e senza la presenza di rappresentanti curdi'. A dirlo, il Premier curdo Nechirvan Barzani
di

La decisione della Corte suprema federale irachena di dichiarare incostituzionale il referendum per l’indipendenza della regione autonoma del Kurdistan, annullandone i risultati, è ‘stata presa unilateralmente e senza la presenza di rappresentanti curdi’

EsteriEsteriEsteriEsteri
Trump, il Congresso e i ‘Gold codes’: la nuova puntata di uno scontro già visto Sembra essersi nuovamente coagulata la volontà bipartisan di limitare i poteri di un Presidente ritenuto a torto o a ragione 'difficile da controllare'
di

Gli effetti di questo scontro non sono facili da valutare. Vale tuttavia la pena di notare come esso si inserisca in uno scenario sempre più caratterizzato dalla delegittimazione dell’avversario come strumento chiave della lotta politica

EsteriEsteriEsteriEsteriEsteri
L’Europa della Pesco: uniti per difendere il mondo Parlare di difesa in questi momenti deve essere più che mai attuale, perché oggi la Terra è attraversata da fermenti assai pericolosi
di

Oggi non si può parlare di esercito europeo e sicuramente la terminologia continua a infastidire la dialettica incolta ma – speriamo siano le intenzioni continentali – è necessario stabilire una gestione congiunta di operazioni militari, anche per rendersi alternativi alla Nato

EsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteri
Il Cile va a destra, ma non è detto che Pinera entri a La Moneda Al secondo turno, il centrosinistra potrebbe farcela se i voti di Beatrice Sanchez convergessero su Alejandro Guiller
di

Nello stesso giorno in cui i cileni chiamati alle urne votano in maggioranza per un ritorno alla destra nel Paese, è morto, all’età di 92 anni, Fernando Matthei, uno degli ultimi uomini forti della dittatura militare di Augusto Pinochet

EsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteri
Zimbabwe: la caduta di Mugabe, tra manifestazioni e dimissioni forzate Prima rimosso dal vertice del suo partito, poi le trattative per allontanarsi dalla presidenza
di

Il partito ha tolto la fiducia al 93enne leader, imponendo il nuovo corso dopo che Mnangagwa era stato estromesso a sua volta da potere nei giorni scorsi da un Mugabe intenzionato a lasciare la sua eredità politica alla moglie Grace

EsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteri
ISIS, fine vicina. Usa: ‘Possibili attentati in Europa a Natale’ Catalogna: decisione corte belga su Puigdemont attesa per il 4 dicembre. May fiduciosa sull'inizio della fase 2 dei negoziati per la Brexit
di

Le forze governative irachene e le milizie filo-iraniane alleate hanno conquistato l’ultima cittadina in mano ai jihadisti, ma scatta l’allerta terrorismo nel Vecchio Continente. Arabia Saudita, Re Salman abdicherà la settimana prossima

EsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteri
Stati Uniti: la Presidenza Trump, tra rischio esautorazione, contraddizioni e Corea del Nord Quali sfide attendono il Presidente? Sarà in grado di affrontarle?
di

In queste ore, la Presidenza Trump ha incassato il primo successo: è stata approvata dalla Camera la riforma fiscale che prevede 1500 miliari di tasse. Al contempo, è al vaglio, però, del Congresso la capacità del Presidente di lanciare un attacco nucleare

EsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteri
Yemen: la crisi che rischia di infiammare l’area mediorientale Intervista in esclusiva con il Ministro yemenita agli Affari Locali, Abdulraqeb Saif Fateh: le condizioni per il dialogo, il ruolo saudita, gli Houthi

‘Da parte della minoranza, ovvero degli Houthi e del partito precedentemente al potere, c’è stata una sorta di Colpo di Stato: è stata rifiutata l’opinione della maggioranza e perfino il documento frutto del dialogo a cui avevano partecipato e che, in precedenza, avevano già firmato’

1 2 3 162