Navigazione: Economia

EsteriEsteri
Londra offshore: la capitale britannica centro del riciclaggio internazionale Intervista a Ben Cowdock, Research leader di Transparency International UK, e Maurizio Carta, giornalista e corrispondente da Londra del The Post Internazionale
di

Una lavatrice del riciclaggio mondiale dove investimenti miliardari di dubbia provenienza, si mescolano con capitali puliti. Ogni anno vengono riciclati quasi 100 miliardi di euro, e più di 44 mila immobili sono attribuibili a società offshore

EsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteri
Grecia, da Tilos parte la rivoluzione solare Grazie a un progetto europeo, l’isoletta greca potrà raggiungere l’autosufficienza energetica grazie esclusivamente alle fonti rinnovabili
di

L’obiettivo finale del progetto è quello di estendere l’esperimento, promuovendo l’autosufficienza energetica grazie alle rinnovabili, a tutte le isolette d’Europa. E chissà, in futuro, a tutto il Continente

EsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteri
Dal web a Chicago: la pazza corsa del Bitcoin Per la prima volta titoli vengono scambiati su un mercato ufficiale e regolato. Per molti è un importante segnale di sdoganamento. Ma cosa sono?
di

Si calcola che ogni giorno ne vengano creati 3.600 e al momento in circolazione ce ne sono circa 16,5 milioni. Il valore, come quello delle altre monete e delle materie prima, è legato alle leggi della domanda e dell’offerta

EsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteri
Il Nepal ci ripensa: annulla contratti con la Cina e li passa a India e USA Irregolarità nei progetti, il Nepal cancella contratti con la Cina e preferisce guardare a USA, India e Giappone
di

Il Nepal annulla contratti con la Cina, come aveva fatto recentemente anche il Myanmar. La Cina reitera la sua logica di finanziare progettualità infrastrutturali di grande rilievo che Paesi poveri come Nepal, Myanmar e Sri Lanka non possono poi pagare se non con grande difficoltà. In questo modo la Cina influenza le decisioni di sviluppo e le diplomazie dei Paesi asiatici e lì dove investe con grandi capitali

EsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteri
‘Commercio per tutti’? L’Italia come attore dell’ Europa Globale Gestire la globalizzazione in ambito unitario. Una sfida per l’Italia, oltre l’approccio intergovernativo. Intervista a Luciano Monti, Docente di Politiche dell’UE alla LUISS di Roma e Condirettore Scientifico della Fondazione Bruno Visentini
di

Ripresa economica, crescita, occupazione e sviluppo sostenibile: sono gli obiettivi primari della Strategia Europa 2020, definita al termine del ciclo decennale della Strategia di Lisbona, con un’attenzione particolare alla dimensione sociale nella quale tali obiettivi dovrebbero convergere. In questo quadro strategico si colloca anche una nuova politica commerciale che coinvolge i 28 Paesi dell’ eurozona.

EsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteri
Bollicine d’Asti in Cina: crescono, lottando, ma restano ancora piccole Come si posiziona il dolce d’Asti sul mercato cinese guidato dai francesi e da una distribuzione a guida franco-tedesca. Ne parliamo con Giorgio Bosticco e Angelo Morano
di

“Il vino italiano in Cina occupa una posizione marginale perché la parte da leone la fa la Francia”, però, “l’Asti è un prodotto che suscita sempre grande interesse”

EsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteri
Russia, come emanciparsi dal petrolio Si cercano alternative ad una risorsa finora vitale ma creatrice di una dipendenza troppo aleatoria
di

La strada da percorrere per sottrarsi alla sua dipendenza è ancora lunga, e si prospetta anzi tutt’altro che incontrastata a livello politico. Anche per percorrerla senza indugi, del resto, bisognerà ovviamente continuare a contare chissà quanto a lungo su di esso e sugli idrocarburi in generale

EsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteri
La partita dell’Italia nel ‘Grande Gioco’ Artico Petrolio, navigazione, sicurezza: gli interessi italiani nell'Artico secondo l'analisi di Nicolò Sartori, IAI
di

L’Artico sta cessando di essere un mero affare regionale per assumere al contrario una vera dimensione internazionale. L’Italia non diventerà una superpotenza dell’Artico ma è in grado di sfruttare le opportunità della regione per massimizzare i vantaggi commerciali che mira di ottenere

1 2 3 104