Navigazione: Economia

EsteriEsteri
La Russia non è un Paese per piccole (e medie aziende) Grosse corporation ed oligopoli fagocitano e spingono fuori dalla competizione le piccole aziende rendendo quasi impossibile lo sviluppo del piccolo e medio business
di

Se in Europa la libera iniziativa economica è ancora centrale e nonostante il potere delle multinazionali, un piccolo imprenditore può ancora ritagliarsi il proprio spazio nel mercato, in Russia sono invece le corporation e gli oligopoli, orizzontali e verticali, pubblici e privati, a governare il mercato

EsteriEsteriEsteriEsteri
Emirati Arabi Uniti: le energie rinnovabili sono il futuro La diversificazione delle fonti energetiche e la lotta al cambiamento climatico
di

E’ stato approvato, in questi giorni, dal primo ministro degli Emirati Arabi Uniti ed emiro di Dubai, Sheikh Mohammed bin Rashid al Maktoum, il budget dell’Autorità per l’energia e le risorse idriche dell’emirato (DEWA).Si registra un aumento di 560 milioni di dollari passando dai 6,63 miliardi del bilancio 2017 ai 7,19 miliardi per il 2018, in cui confluiscono numerosi investimenti nelle fonti energetiche convenzionali e non, comprese le rinnovabili

EsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteri
Unione Africana contro Trump, pessima premessa per i nuovi accordi commerciali Una crisi diplomatica che arriva nel momento peggiore per le relazioni Africa-USA, quella scatenata dai Paesi definiti di ‘merda’ dal capo della Casa Bianca
di

Gli accordi commerciali sottoscritti nel 2004, con l’African Growth and Opportunity Act (AGOA) non hanno trovato grande entusiasmo da parte dei partner africani che accusano gli Stati Uniti di aver creato un accordo commerciale favorevole solo alle loro necessità

EsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteri
Il keynesismo militare di Trump Il governo ricorre ai metodi più stravaganti pur di incrementare le vendite di armi all'estero
di

Il problema è che vendendo armi con tanta disinvoltura e senza procedere ai relativi controlli potrebbe far sì che parte assai rilevante delle forniture finisca nelle mani di gruppi che gli stessi Stati Uniti considerano nemici o mantengono nella lista delle organizzazioni terroristiche

EsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteri
Corea del Sud: ecco perché mettere al bando i bitcoin Il Governo blocca con una apposita legge le transazioni nella Nazione che ha avviato l'effetto traino nel pompare le monete virtuali nel mondo
di

Le Autorità monetarie e finanziarie sudcoreane hanno emesso un disegno di legge che passerà al vaglio del Parlamento per bloccare quella che viene vista come una dipendenza da droga-bitcoin diffusa ormai a livello popolare. Firmata una petizione da più di 5.000 sudcoreani per impedire il blocco di legge sulle transazioni di bitcoin al punto di paralizzare il sito web del Governo

EsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteri
L’ IVA nei Paesi del Golfo: un passo verso la creazione di ‘economie razionali’ Per la prima volta Arabia Saudita e Emirati Arabi hanno introdotto l’IVA. Ce ne parla Jim Krane, ricercatore del Baker Institute della Rice University a Houston
di

“La sua introduzione fornisce una fonte alternativa necessaria di entrate statali che non dipendono dal petrolio e riduce le oscillazioni dei ricavi causate dalla dipendenza del greggio”

EsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteri
Quando le Olimpiadi sono un cattivo investimento In nessun caso, lo dicono i dati, si è riusciti a rispettare i preventivi. E in Corea del Sud già tremano
di

Barcellona 1992: grazie a un piano di riorganizzazione urbana, l’Olimpiade ha cambiato il volto della città e l’ha fatta conoscere al mondo, moltiplicando le presenze turistiche. Ma è solo uno dei rari casi di successi. Per il resto strutture abbandonate a se stesse già dopo un anno dall’evento

EsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteri
United colors of Patagonia In Argentina è guerra tra la Benetton e la popolazione indigena dei Mapuche per il controllo della Patagonia. Dura la repressione argentina e, tra la sparizione di Santiago Maldonado e l'arresto di Facundo Jones, spuntano vecchi fantasmi.
di

Nel 1991 il Governo argentino cede alla famiglia Benetton 900mila ettari di terreni in Patagonia, la maggior parte dei quali abitati dalle popolazioni indigene Mapuche restii ad abbandonare case e terre dei propri antenati. Inizia così una feroce campagna di repressione nei confronti degli indigeni. Sfollati, emarginati e confinati, i Mapuche si organizzano e rispondono iniziando ad occupare i terreni della Benetton. L’arrivo alla Presidenza di Mauricio Macrì renderà però ancora più dura la risposta dello stato. Tra violenze, sparizioni ed omicidi in Argentina torna prepotentemente l’incubo dei Desaparecidos.

EsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteri
Russia e Cina guidano la battaglia contro la supremazia del dollaro La lotta contro la moneta Usa tende a coinvolgere un numero crescente di Paesi
di

La prorompente ascesa economica realizzata dalla Cina nel corso degli ultimi decenni e la rapida resurrezione geopolitica della Russia hanno tuttavia posto le condizioni per un sostanziale cambio di paradigma

EsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteri
Sudan alle prese con i rincari del prezzo del pane Si segnala che i disordini hanno portato anche all’uccisione di un dimostrante nella regione del Darfur
di

Cortei e mobilitazioni sono stati segnalati a El-Geneina, Nyala e Al-Damazin ma anche nella capitale Khartoum. Secondo il ‘Sudan Tribune’, i rincari sono coincisi con una serie di arresti. Nel mirino anche i giornali

EsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteri
Shale Oil: più tensioni in Medio Oriente, più aumenta la richiesta Secondo la World Energy Outlook, gli Usa saranno i più grandi esportatori di netto entro il 2027. Quali le conseguenze? Ne parliamo con James Hughes, financial analyst di AxiTrader UK
di

Le proteste stanno avendo un sostanziale supporto da parte degli Stati Uniti, che in cambio aumenta la popolarità dello shale oil americano come una soluzione politica valida

1 2 3 23