martedì, luglio 17

Brexit, impasse preoccupante: scambio di accuse Ue-GB Il capo negoziatore Ue per la Brexit Michel Barnier è sempre più deluso

0

Il capo negoziatore Ue per la Brexit Michel Barnier è sempre più deluso dalla Gran Bretagna. «Il discorso di Firenze di Theresa May aveva dato uno slancio di cui c’era veramente bisogno, ma nonostante questo non abbiamo fatto grandi passi in avanti», ha detto. Poi ha affermato: «Non sono ancora in grado di proporre al Consiglio europeo la prossima settimana di aprire le discussioni sul futuro».

La Gran Bretagna «non è ancora pronta a precisare la sua posizione sugli impegni finanziari, quindi non ci sono stati negoziati», ha aggiunto Barnier spiegando le sviluppo delle trattative per la Brexit. Per questo, ha avvertito, «siamo quindi in un’impasse estremamente preoccupante».

La replica è arrivata a stretto giro di posta per bocca del capo negoziatore britannico David Davis: «Per fornire certezze dobbiamo parlare del futuro. Spero che gli Stati membri la prossima settimana al vertice Ue riconoscano i progressi fatti nello spirito del discorso di Firenze di Theresa May e facciano passi avanti». Insomma uno stallo nelle trattative per la Brexit e uno scambio di accuse che sembra non promettere bene.

(video tratto dal canale Youtube di Euronews)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.