sabato, maggio 26

Cubatao, la ‘valle della morte’ brasiliana

0

Cubatao, in Brazile, è forse la città più inquinata del mondo. Il sito venne scelto negli anni ’50 dal Governo come luogo riservato a una ventina di impianti industriali della regione. Motivo principale fu la sua vicinanza al porto di Santos, il più grande dell’America Latina. Negli anni ’80 i picchi di inquinamento atmosferico fecero guadagnare a Cubatao il soprannome di ‘valle della morte‘: persino i neonati della regione presentavano malformazioni e malattie dovute alla bassissima qualità dell’aria della zona.

La vicinanza delle montagne che abbracciano la zona impedisce allo smog e all’aria inquinata di abbandonare la città, creando di fatto una sorta di serra tossica i cui effetti sono visibili a tutti. Cleiton Jordao, ingegnere ambientale e cittadino di Cubatao testimonia quanto grave fosse la situazione della zona: «una volta ho visto un bambino correre e urlare ‘la pioggia morde’, inizialmente non ho capito di cosa parlasse, ma poi ho realizzato che si trattava di pioggia acida che bruciava la pelle».

La situazione di Cubatao è migliorata, con l’installazione di filtri negli impianti di produzione (che hanno tagliato i livelli di inquinamento del 90%) e il costante monitoraggio della qualità dell’aria, ma risulta ancora incredibilmente dannosa per i suoi abitanti: la città è ancora la più inquinata in tutta la regione di San Paolo.

Video tratto da ‘BBC News

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.