Autore Stefano Grimaldi

Sudafrica: quando la terra è una cosa seria, e la minaccia di esproprio senza compensazione anche La riforma agraria con la previsione di esproprio senza compensazione rischia di far fuggire gli investitori e far crollare la produzione alimentare, malgrado il Governo continui a rassicurare
di

Il come si affronta e il come si risolverà la questione dei terreni agricoli, secondo Crisis Group, influenzerà il come nel futuro sarà trattata la questione del diritto di proprietà, e di riflesso la crescita economica del Paese

Canapa: perché è importante il disciplinare di autoregolamentazione? Ne parliamo con l' avvocato Giacomo Bulleri, tra i protagonisti del progetto, nonché legale da sempre vicino ai coltivatori di canapa
di

Il disciplinare cerca di fornire delle risposte ad esigenze concrete e quindi dare delle certezze che finora non c’erano. Certezze sia dal punto di vista tecnico oltre che economico per ottenere un prodotto di qualità e, soprattutto, sicuro per il consumatore

Esayjoint e i coltivatori rispondono al Consiglio Superiore della Sanità sul ‘No’ alla vendita della cannabis light Il CSS si pronuncia contro la 'cannabis light': ecco la risposta di Luca Marola, fondatore di Easyjoint, l' avvocato Giacomo Bulleri, da sempre a fianco dei coltivatori di canapa e Mario Lorusso, coltivatore Pugliese
di

In un parere richiesto a febbraio dal segretariato generale del ministero della Salute, il Consiglio superiore di sanità (Css) ha sostenuto «che siano attivate, nell’interesse della salute individuale e pubblica e in applicazione del principio di precauzione, misure atte a non consentire la libera vendita dei suddetti prodotti».

Canapa: domani la sottoscrizione del disciplinare di produzione di Infiorescenze Quali i punti più importanti? Risponde Chiara Mina, HACCP Senior Consultant, tra i responsabili tecnici della redazione del testo
di

Quella di domani è la conclusione di una serie di incontri che ci sono stati, ma dove il tavolo si è allargato agli agricoltori e alle associazioni. Diverse sono, infatti, le entità che hanno partecipato e poi hanno condiviso questo disciplinare, dando il loro contribuito, rifinendo e confermando alcuni aspetti di questo disciplinare.