Autore Franco Soglian

EsteriEsteriEsteri
Anche in Repubblica Ceca si guarda di più alla Russia L’avanzata populista ed euroscettica a Praga promette una modifica della sua politica estera in senso filorusso
di

Le conseguenti o contestuali simpatie per la Russia sono oggetto di divergenze interne rese tanto più acute da una figura così anomala e controversa come Babis, anche se il leader di ANO, non di rado definito filorusso, viene altresì descritto come scarsamente interessato alla politica estera

EsteriEsteriEsteriEsteriEsteri
Kirghizistan, un’isola di (relativa) democrazia All’instabilità interna del piccolo Paese arretrato contribuisce anche la problematica collocazione tra Russia e Cina
di

Il Paese è coinvolto in primissima linea nella complessa problematica dei rapporti tra Mosca e Pechino. Tra due grandi vicini oggi amici ma anche rivali o quanto meno concorrenti innanzitutto nell’Asia centrale, nonché divisi da contrapposizioni antiche ma anche relativamente recenti

EsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteri
L’Europa ex comunista guarda alla Russia L’euroscetticismo, per lo più accoppiato a simpatie per Mosca, riscuote ampi consensi anche nella Germania orientale
di

L’avanzata di forze e movimenti, politiche e ispirazioni che se non altro per comodità è lecito classificare come populiste, può essere attribuita a varie spinte, e così pure l’attrazione per l’odierna Russia che per lo più l’accompagna e la caratterizza ancorchè in misura variabile

EsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteri
Russia, elezioni con sorpresa Inatteso successo dell’opposizione nel cuore di Mosca, ma con immediate denunce di intollerabili influenze occidentali sul voto
di

Medvedev, ha conquistato il 76% dei seggi. Al secondo posto si sono piazzati, con quasi il 12%, i Democratici uniti, una coalizione di vecchi e nuovi partiti e gruppi di opposizione. In un distretto col massimo dei suffragi è stato eletto Ilya Yashin, il contestatore più vicino a Boris Nemzov

EsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteri
Nasce una nuova Europa, forse
L’Iniziativa dei tre mari cerca spazio tra Mosca e Bruxelles con l’apparente incoraggiamento di Washington. O almeno di Trump
di

La storia, come si sa, ama ripetersi, benchè le lezioni che impartisce vengano raramente ascoltate. Sarà anche un luogo comune, che torna però spesso in mente…

EsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteri
Georgia alla ribalta, con scongiuri.
La comparsa della NATO in Transcaucasia inasprisce lo scontro tra Russia e USA. Ma forse il peggio è ancora evitabileLa comparsa della NATO in Transcaucasia inasprisce lo scontro tra Russia e USA. Ma forse il peggio è ancora evitabile
di

A prima vista, i due vecchi nemici della “guerra fredda” hanno nuovamente imboccato una rotta di collisione stavolta non più frenabile. All’inasprimento delle sanzioni americane contro…

EsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteri
Henry Kissinger al Cremlino
Un grande protagonista della Guerra fredda tenta di rompere il ghiaccio tra Stati Uniti e Russia alla vigilia dell’incontro tra Putin e TrumpUn grande protagonista della Guerra fredda tenta di rompere il ghiaccio tra Stati Uniti e Russia alla vigilia dell’incontro tra Putin e Trump
di

Gli attuali numeri uno delle due grandi potenze già principali protagoniste della “guerra fredda” tra Est e Ovest dovrebbero incontrarsi per la prima volta tra pochi…

EsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteri
La Russia snobba il petrolio
Mosca tarda però a varare le strategie necessarie per ridurre la dipendenza dall’”oro nero”, che intanto torna a deprezzarsi
di

Cantare vittoria prima del tempo, come si sa per esperienza, è una tentazione molto forte per gli umani. Comprensibile, certo, e magari anche utile per rinfrancare…