Autore Denise Serangelo

Esteri
Il caso Ong e i rischi per la sicurezza nazionale
Un filone di analisi importante della vicenda verte sulla sicurezza interna
di

Affinché l’immigrazione torni ad essere un fenomeno gestibile e non una minaccia interna ai confini italiani i controlli sulle organizzazioni e pubblica assistenza devono necessariamente farsi serrati

EsteriEsteri
Nuova Libia (e non solo) ad Abu Dhabi?
Libere elezioni significa per il Paese un passo avanti nella gestione autonoma del Paese, ma un rischio rilevante per gli investitori stranieri
di

Il Paese potrebbe essere finalmente usato come modello transizionale per il futuro del Medioriente e del Nord Africa e l’Italia potrebbe giocare un ruolo importante nel controllo del territorio

EsteriEsteriEsteri
Siria: strategia militare ‘non convenzionale’
Si è creata una serie diversa di interessi internazionali e regionali che non permettono una chiara ed univoca strategia militare
di

Il probabile uso di armamenti no nconvenzionali, congiuntamente con barrel bomb e gas sarin, hanno scritto una nuova pagina di strategia militare non risolutiva e scarsamente efficace

EsteriEsteriEsteriEsteri
Le guerre di Trump: dall’America al mondo
L'azione americana in Siria sembra avere scopo dimostrativo, Corea del nord vero bersaglio
di

I discorsi a cui ci aveva abituati il Presidente Donald Trump nella sua movimentata compagna elettorale, sembravano puntare dritti verso un periodo di distensione della politica…

EsteriEsteriEsteriEsteriEsteri
Trump: torna l’America gendarme in Siria
Quella americana è stata un’aperta violazione della sovranità siriana, e, militarmente, è stata una 'rappresaglia', ma i russi non li hanno fermati, pur essendo stati preventivamente avvisati
di

I missili Tomahawk, hanno sorvolato le aree della Siria controllate dall’Armata Russa, sicuramente i radar russi hanno visto e tracciato l’attacco senza fermarlo in alcun modo, il che appare un avvertimento velato anche alla politica di Mosca

EsteriEsteriEsteriEsteriEsteriItalia
Lo strano caso dei terroristi sul Ponte di Rialto
Una potenziale minaccia arginata velocemente dai servizi di intelligence
di

I luoghi d’arte rappresentano la storia e la cultura morale di un popolo, il Ponte di Rialto è rappresentato all’estero come simbolo distintivo dell’Italia. E siti come questi offrono al terrorismo una ferita morale oltre che fisica

EsteriEsteriEsteriEsteriEsteriItaliaEsteri
Esercito europeo: sogno o necessità?
L’assenza totale di una politica estera comune non ha certo aiutato
di

E’ una realtà necessaria oppure è solo un sogno che rimarrà tale? Analizziamo insieme, attraverso un rapido approccio storico, criticità e punto di forza di un sistema di difesa sovranazionale.

EsteriEsteriEsteriEsteriEsteriItaliaEsteriEsteri
Londra cade, ma se non fosse terrorismo?
Dubbi e criticità del nuovo attacco all’Europa
di

L’attentato di Londra si presenta come simile e dissimile, rispetto a tutti gli altri eventi terroristici in Europa. L’analisi per capire quali sono le criticità e le somiglianze di questo nuovo attacco all’Europa.

EsteriEsteriEsteriEsteriEsteriItaliaEsteriEsteriEsteri
Casa Bianca: vulnerabile perché sensibile
I recenti allarmi hanno fatto tornare in auge un vecchio dilemma
di

Come mai i siti sensibili sono rimasti intoccabili (o quasi) sotto la minaccia dell’IS? Quali sono i fattori che hanno permesso di trasferire la minaccia da luoghi simbolici a soft target comuni ed incontrollabili?

EsteriEsteriEsteriEsteriEsteriItaliaEsteriEsteriEsteriEsteri
Sì, la Russia è pronta per la Libia
Tutto pronto per aprire una 'nuova Siria' in tempi brevi
di

Un piano molto ampio di stabilizzazione del Mediterraneo potrebbe essere stato pensato al Cremlino, che passa anche da un bell’investimento sul petrolio libico da parte della controllata statale Rosneft

EsteriEsteriEsteriEsteriEsteriItaliaEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteri
La Russia di Putin per la Libia di Haftar
Il Nordafrica - in primis la Libia - è nel mirino di Mosca
di

Putin invia i suoi parà in Egitto per la prima esercitazione militare congiunta della Storia ma nel frattempo strizza l’occhio alla Libia di Haftar. Un nuovo asse geopolitico è vicino?