Autore Redazione

Esteri
Siria, infuria la battaglia a Hama e i ribelli cedono Homs
40.000 civili in fuga dai combattimenti
di

Le ostilità a Damasco e Hama annullano le speranze di venerdì, quando a Ginevra, in occasione di un meeting incoraggiato dalle Nazioni Unite, i principali schieramenti hanno tentato di discutere i termini di un accordo tra le parti

EsteriItalia
Globalizzazione fa bene, ma Italia solo 17°
Bene l'export ma occorre attrarre più investimenti esteri
di

La posizione mediana che l’Italia mantiene durante l’intero periodo esaminato (1994-2015), con modeste oscillazioni, cattura bene questa contraddizione: un Paese fortemente vocato al commercio internazionale, ma ancora non capace di sfruttare appieno la sua potenzialità di diventare piattaforma produttiva globale.

EsteriItaliaEsteri
Gli 8 di Brexit e il loro duro lavoro negoziale
Le quattro donne e i quattro uomini in prima fila per i negoziati
di

La squadra UE è composta da Michel Barnier, Sabin Weyand, Donald Tusk e Didier Seews. Il ‘fronte’ britannico vede invece David Davis, Olly Robbins, Tim Barrow e Sarah Healey

EsteriItaliaEsteriEsteriEsteri
ONU preme per il disarmo nucleare, l’Italia diserta
Il boicottaggio compatto da parte di tutte le potenze nucleari vanifica l’iniziativa
di

Russia, Stati Uniti e Regno Unito starebbero lentamente smaltendo una piccola parte dei propri armamenti, mentre l’arsenale di Israele e Francia resta stabile. Segnali opposti arrivano da Cina, India, Pakistan e Nord Corea, al lavoro per costruire nuove testate nucleari.

EsteriItaliaEsteriEsteriEsteriEsteri
Brexit: qual è il destino delle Falklands?
Diplomazia e commercio delle isole, cosa cambia con l'addio di Londra all'UE
di

Jim Baer frena comunque ogni possibile isteria: «è troppo presto per determinare l’impatto di lungo periodo della brexit sulle Isole Falklands», scrive,«ha inizio un periodo di paura, ma anche di speranza».

EsteriItaliaEsteriEsteriEsteriEsteriEsteri
Carrie Lam, la donna della Cina alla guida di Hong Kong
L’elezione di ieri è il sigillo al dominio cinese sull’isola e l’addio alla rivoluzione degli ombrelli
di

La sua nomina riflette la volontà cinese di continuare a controllare e a influenzare le relazione con Hong Kong, dopo che le proteste del 2014 hanno aumentato il risentimento sociale sull’ingerenza di Pechino negli affari cittadini

EsteriItaliaEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteri
Parigi, Bruxelles, Londra: il terrorismo che ha sconvolto l’Europa
Dalla nascita dell'Isis, il Vecchio Continente è sempre stato nel mirino. Chi sono gli attentatori?
di

L’essere giovani, cresciuti nelle periferie ‘ghettizzate’, dove hanno accumulato la rabbia necessaria per essere facilmente permeabili all’ideologia radicale: questo l’identikit di chi ha colpito

EsteriItaliaEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteri
Londra: l’attacco era ‘altamente probabile’
L'attacco nella Londra dei circa 400 foreign fighters dove pochi giorni prima l'Ufficio governativo del terrorismo aveva lanciato una campagna per far cooperare i cittadini
di

Londra è stata colpita da diversi attacchi terroristici, i più sanguinosi sono stati quelli del 2005, del 2013 e del 2015

EsteriItaliaEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteri
Amnesty: in Colombia la guerra è ancora viva
Le Nazioni Unite fanno pressione perchè il Governo protegga i civili
di

La guerra intestina in Colombia è costata la vita a 260.000 persone, e alle vittime si aggiungono oltre 60.000 scomparsi, e 6,9 milioni di sfollati.

EsteriItaliaEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteri
Bruxelles – Maelbeek: un anno dopo
12 mesi fa il primo dei tre grandi attentati terroristici dell'estremismo islamico che hanno insanguinato l'Europa nel 2016
di

Le periferie, il radicalismo non curato delle seconde generazioni, i buchi della sicurezza belga considerando che da Molenbeek sono partiti tutti i più importanti attentati all’Europa di questi ultimi anni

EsteriItaliaEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteri
Negev, fronte secondario della ‘questione palestinese’?
La questione dei Beduini preoccupa Israele, si temono infiltrazioni dei nazionalisti arabi
di

Il pericolo è che la questione dei Beduini nel Negev venga strumentalizzata da nazionalisti arabi radicali e da movimenti islamisti, come un nuovo fronte della loro lotta contro lo Stato israeliano