Autore Gianluca Pastori

Esteri
Stati Uniti e Arabia Saudita: un rapporto da rinegoziare?
Diversi elementi spingono a non considerare del tutto scontato l’esito del viaggio di Trump alla corte degli al-Saud
di

Al di là delle convergenze, gli interessi divergono su più di una questione, prima fra tutte quello della relazione sciiti-sunniti: dal depotenziamento di questa rivalità che dipende la possibilità di Washington di liberare le risorse necessarie a dirigere la sua azione verso teatri più importanti

EsteriEsteri
Trump, Comey, Lavrov e il fantasma del Russiagate
Chiusa la parentesi di ritrovato consenso che aveva accompagnato gli interventi in Siria e in Afghanistan e la prova di forza con la Corea del Nord
di

Le voci circolate riguardo ad una possibile sostituzione anche del portavoce della Casa Bianca paiono confermare i problemi che Trump e il suo entourage hanno nel presentare all’opinione pubblica una narrazione convincente intorno a un tema che appare destinato a riaffiorare ciclicamente

EsteriEsteriEsteri
Libia: quale ruolo degli Stati Uniti?
Non è facile capire come Trump deciderà di muoversi su questo teatro
di

La questione libica è parte di un più generale processo di ridefinizione degli equilibri internazionali, dal cui esito dipenderà, in larga misura, il ruolo che Washington vi giocherà negli anni a venire

EsteriEsteriEsteriEsteri
L’Amministrazione Trump e il bilancio dei ‘cento giorni’
Tante difficoltà e cambi di rotta rispetto a quanto detto qualche mese fa
di

I cambi di rotta di queste settimane sono, da più punti di vista, il segno di come il Presidente e il suo entourage siano ancora alla ricerca della strada giusta da seguire su vari punti centrali dell’agenda politica

EsteriEsteriEsteriEsteriEsteri
Tillerson, Trump e il futuro del ‘nuclear deal’: tanto rumore per nulla?
Si è giunti, oggi, al ‘redde rationem’? La nuova postura 'muscolare' di Washington sembrerebbero puntare in questa direzione
di

La linea ambigua adottata dai due offre al Presidente iraniano uscente una sponda importante permettendo, nello stesso tempo, a Washington di tenere le mani abbastanza libere in attesa dei risultati del voto del 19 maggio

EsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteri
L’Iran, le elezioni e la sfida di Trump
Che effetto avrà la nuova postura statunitense sui delicati equilibri con Teheran?
di

Le elezioni di prossimo 19 maggio acquistano nuova importanza. Più che mai, esse si propongono come una sorta di referendum sull’operato del Presidente e in questo caso, sulla sua politica estera

EsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteri
Dopo Shayrat: un punto di svolta per Trump in Siria?
La decisione di Washington manda un segnale importante a Mosca e ai suoi alleati regionali, Iran in primis
di

La riaffermazione di un modello ‘decisionista’ che ha per obiettivo soprattutto le (presunte) incertezze e i tentennamenti degli anni passati, quando le scelte della Casa Bianca sarebbero state limitate dai lacci e lacciuoli imposti da una politica troppo ‘negoziata’

EsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteri
Gli Stati Uniti e la Brexit: oltre la ‘relazione speciale’
Come influirà il voto della 'maggioranza silenziosa' sulla relazione tra i due Paesi?
di

Nel complesso, la prospettiva dell’annunciato rilancio della ‘relazione speciale’ anglo-americana non sembra sufficiente a compensare le perdite che – a vari livelli – Londra e Washington rischiano di subire a causa della Brexit.

EsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteri
La Turchia, l’Europa e i fantasmi di Rotterdam
Lo specchio di come i rapporti da sempre difficili fra Ankara e Ue rischiano di evolvere
di

La svolta autoritaria del Paese e le ambizioni egemoniche di Erdogan acuiscono una rivalità che ha la sua radice ultima nella convinzione di una radicale alterità fra i due mondi

EsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteri
Donald Trump, la détente con la Russia e la sfida nucleare
Altro che distensione: davanti alle prime divergenze concrete, ecco arrivare le difficoltà
di

Il nuovo presidente si presenta più come un elemento di continuità che di rottura rispetto a una certa tradizione ‘muscolare’ della politica estera statunitense