Autore Ludovica Passeri

L’altra Europa dei Pirati La voce di un ricercatore e due attivisti: capiamo il presente e il futuro del Partito dei Pirati
di

In Italia è un fenomeno di dimensioni ridotte, ma in molti Paesi europei è tutt’altro che marginale. Dal caso nostrano a quello svedese, dalla genesi del 2006 alle elezioni ceche e islandesi del 2017, abbiamo attraversato il tempo e lo spazio per capire non solo il futuro dei Partiti Pirata europei, ma il destino del web in politica. Mentre si allunga l’ombra della “crisi della democrazia rappresentativa”, nuove forme di partecipazione vorrebbero “integrarla” e “completarla”. I “vecchi” partiti sapranno raccogliere la sfida?
[purchase_link id="268583" text="Acquisto" style="button" color="red"]


Se preferisci non acquistare il singolo PDF ma entrare nella nostra Membership (Memberhip Mensile, Membership Annuale, Membership Semestrale e Membership Trimestrale) utilizza i seguenti bottoni.
Accedi Registrati al Membership
L’aborto e il destino dell’Irlanda del Nord Secondo Donato Di Sanzo, dottore di ricerca presso l’Università degli Studi di Salerno, il tema si insinua in un dibattito più ampio sul futuro del Paese
di

‘Il Sinn Féin fino alle dichiarazioni di Gerry Adams non era assolutamente pro aborto. Le sue dichiarazioni potrebbero condurre il partito verso un appoggio alla causa del diritto delle donne all’aborto. Permangono frange di radicalismo cattolico’

Front National: verso la rifondazione Intervista a Nicola Genga, direttore del CRS e collaboratore del Dipartimento Coris dell’Università La Sapienza di Roma
di

‘Si prepara un congresso di acclamazione e si potrebbe dire, se non formalmente nei fatti, che dovrebbe esserci una candidatura unica o al massimo ci saranno degli ‘sparring partner’. L’unica possibile rivale poteva essere Marion Maréchal-Le Pen, che però ha annunciato il ritiro dalla vita politica qualche mese fa’

Diada: dalla caduta all’indipendenza La memoria, la Nazione; le identità regionali che si fanno nazionali. Ne parliamo con Alison Ribeiro de Menezes, Direttrice della Scuola di culture e linguaggi moderni dell’Università di Warwick
di

L’idea tutta catalana di celebrare la propria festa nazionale nel giorno della sconfitta storica, “un’anomalia” o un modo per ribadire “la volontà di esistere” della comunità. Dal 2012 i colori dell’Estelada, vessillo degli indipendentisti, riempiono i contorni di una ricorrenza antica che i nuovi secessionisti hanno saputo tradurre con successo nel linguaggio della modernità