Autore Helodie Fazzalari

ItaliaItaliaEsteriEsteri
L’ IVA nei Paesi del Golfo: un passo verso la creazione di ‘economie razionali’ Per la prima volta Arabia Saudita e Emirati Arabi hanno introdotto l’IVA. Ce ne parla Jim Krane, ricercatore del Baker Institute della Rice University a Houston
di

“La sua introduzione fornisce una fonte alternativa necessaria di entrate statali che non dipendono dal petrolio e riduce le oscillazioni dei ricavi causate dalla dipendenza del greggio”

ItaliaItaliaEsteriEsteriEsteriEsteri
Il nucleare secondo i nordcoreani: tra timori di guerra preventiva e ‘parità nucleare asimmetrica’ L'ottica nordcoreana secondo Alexander Vorontsov di '38 North'. Ne parliamo con gli analisti ISPI Axel Berkofsky e Francesca Frassineti
di

Alexander Vorontsov di ’38 North’ illustra i timori e le incomprensioni dell’atteggiamento occidentale dei nordcoreani che ha incontrato durante il suo soggiorno a Pyongyang

ItaliaItaliaEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteri
Ecco i conflitti da tenere d’occhio nel 2018 – Parte II Il report del Crisis Group sulla pericolosità delle 10 crisi del mondo odierno
di

Nella giornata di ieri abbiamo pubblicato un articolo riguardante le criticità rappresentate da: Corea del Nord, USA-Arabia Saudita, Afghanistan, la crisi Rohingya in Myanmar e Bangladesh e quella nello Yemen. Nella seconda parte, ci occuperemo dei conflitti in Siria, Sahe, Repubblica Democratica del Congo, Ucraina e Venezuela,

ItaliaItaliaEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteri
Trivellazioni petrolifere, ora tocca all’ Alaska Trump porta avanti le sue promesse elettorali ed apre l’Arctic National Wildlife Refuge alle industrie petrolifere
di

Da decenni, l’ANWR (Arctic National Wildlife Refuge) si trova al centro di un’aspra lotta tra i repubblicani favorevoli ad un’apertura dell’area all’industria petrolifera, chi vede nell’ANWR un’opportunità per lo studio scientifico, e democratici e gruppi ambientalisti preoccupati che le trivellazioni petrolifere possano provocare rischi di disastri ambientali

ItaliaItaliaEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteri
Crisi economica, riflesso del collasso della sinistra latina? Le cause della crisi e il futuro della sinistra sudamericana analizzate da Nicola Bilotta, ricercatore all’ISAG, Istituto di Alti Studi di Geopolitica e Scienze ausiliari.
di

Sicuramente il declino delle sinistre sudamericane è la conseguenza di sconfitte elettorali, di golpe come quello del 2009 contro il Governo di Manuel Zelaya in Honduras, di vari scandali, come ad esempio l’accusa mossa alla Presidentessa Dilma Rousseff.

ItaliaItaliaEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteri
America Latina: 2018, anno di elezioni … e la sinistra? Come si preparano le sinistre dei diversi Paesi sudamericani alle elezioni del prossimo anno?
di

In America Latina, la crisi economica, la corruzione, ed ora, gli sconvolgimenti hanno messo fine in particolare alla sinistra di due Nazioni che un tempo sembravano in procinto di condurre una nuova era: il Brasile e il Venezuela.

ItaliaItaliaEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteri
India, in cima alla classifica delle potenze economiche mondiali L’economia indiana supererà nel 2018 quella di Francia e Regno Unito, e nella seconda metà del secolo occuperà il primo posto nella classifica del CEBR sulle maggiori potenze economiche
di

Lo scorso 22 Novembre, Douglas McWilliams Vicepresidente del Centre for Economics and Business Research (CEBR) ha parlato con l’Indian Professionals Association, mostrando il modo in cui l’economia indiana sta cambiando marcia

ItaliaItaliaEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteri
L’ industria bellica è in continua crescita Il SIPRI, Istituto internazionale di ricerca sulla pace di Stoccolma, ha pubblicato i dati relativi alla vendita di armi da parte dei 100 maggiori produttori di materiale bellico a livello mondiale
di

La produzione di materiale bellico ha subito un amento nel 2016, ce lo dice la top 100 relativa alle maggiori industrie di armi a livello mondiale, stilata da SIPRI, l’Istituto internazionale di ricerca sulla pace di Stoccolma. Al primo posto troviamo gli USA, che registrano però un lieve calo, seguiti da Cina, Arabia Saudita e Russia, tutti e tre in costante crescita.