Autore Cesare Gigli

Aldo Moro: vittima di disorganizzazione dello Stato e dilettantismo politico delle BR 1978 - 2018: 40 anni fa l’attacco più violento alla Repubblica Italiana. Che USA e URSS non vedessero di buon occhio l’operazione politica del Compromesso Storico è un fatto, ma da qui ad affermare che ci fu la mano delle superpotenze ce ne corre.
di

Gli equilibri geopolitici usciti fuori dalla II Guerra Mondiale prevedevano un’Italia nell’orbita USA, e quindi tale soluzione non era concepibile a meno di non creare un conflitto nel cuore stesso dell’Europa

La divulgazione scientifica, i giovani e il gioco da tavola L' intervista a Fabio Chiarello, fisico, ricercatore del CNR e coordinatore del concorso “Fotonica in gioco”
di

Questo è nato nell’ambito del progetto europeo “Photonics4All”, ed ha lo scopo di creare un gioco da tavolo didattico a tema. La prima edizione, conclusasi nel 2016, ha visto la partecipazione di più di 400 studenti con la realizzazione di 28 giochi sul tema di “luce e fotonica”.

Elezioni: grazie a Dio è finita Marketing, falsità palesi, totale assenza di visione e leader: analisi impietosa della campagna elettorale più brutta della storia repubblicana. A colloquio con Massimo Leoni, main anchor politico ‘Sky TG 24’
di

Domenica 4 marzo si andrà a votare in tutta Italia per eleggere i deputati e senatori della XVIII legislatura della Repubblica. Al termine della campagna elettorale, proviamo a trarre un bilancio di questa fase politica

Campagna elettorale 2018: la tv senza politici e giornalisti di stoffa Strategia di comunicazione dei vari protagonisti della politica e tecnica televisiva: ne parliamo con Giancarlo Governi, giornalista e autore RAI
di

‘Il livello della classe politica non sembra quello di 30 anni fa, ma la TV ha dato una grossa mano: la trasmissione politica fatta per la ricerca dell’audience ha finito per creare quei ‘pollai’ dove emerge solo la tecnica comunicativa del messaggio e non più il messaggio’

Pyeongchang 2018: pattinaggio di figura, una lunga tradizione olimpica Sarà domani la volta buona per Carolina Kostner, la stella azzurra in queste olimpiadi per il pattinaggio di figura?
di

Rimaniamo ogni volta tutti incantanti a guardare i salti e le piroette di questi artisti – chiamarli sportivi sarebbe forse riduttivo – sulla pista ghiacciata. Non a caso, il pattinaggio artistico (o meglio, di figura) è presente da sempre alle olimpiadi invernali, e da sempre ha attirato un pubblico numerosissimo.

Olimpiadi Invernali: sci di fondo, l’ esibizionista Pita Taufatofua L’esibizionismo mostrato dall’ altissimo atleta del regno di Tonga rischia di rovinare tutto?
di

Già atleta di Tae Kwon Do alle Olimpiadi di Rio di due anni fa dove uscì praticamente subito con una 16-1 a sfavore che la dice lunga, Pita si presentò nella cerimonia di apertura di quei Giochi come portabandiera in costume tipico della sua nazione, ossia a torso nudo e con un gonnellino.

Olimpiadi invernali: salto con gli sci, l’ ‘adulto’ Noriaki Kasai Ha esordito nelle competizioni olimpiche non ancora ventenne, ad Albertville nel 1992. Pyeongchang è l' ottava Olimpiade a cui partecipa
di

Qualcuno gli ha chiesto quanta distanza avesse coperto globalmente con i suoi salti durante la sua infinita carriera, cominciata nel 1989. Considerando una media di 100 metri a salto significa un totale di 400.000 salti. Che vuol dire circa 36 salti al giorno.