Autore Jeta Gamerro

EsteriEsteri
Bergoglio e l’America Latina: Cile e Perù alla vigilia del nuovo viaggio apostolico La situazione politica, economica e sociale di Cile e Perù e le prospettive del viaggio di Bergoglio: ne parliamo con Gilberto Bonalumi (ex-Parlamentare e consulente ISPI)
di

Dal 15 al 22 gennaio prossimi, si svolgerà il ventiduesimo viaggio apostolico di Papa Bergoglio: le tappe del viaggio saranno Cile e Perù. Non è la prima volta che Bergoglio viaggia in America Latina; questa volta, però, la particolarità del viaggio riguarda le affinità e le differenze tra i due Paesi, entrambi con una storia di dittature

EsteriEsteriEsteri
Congo, Kabila: guerra al contro-potere della Chiesa Cattolica 8 morti e un centinaio di fermati tra sacerdoti e fedeli: è il bilancio delle manifestazioni dei cattolici contro il Presidente Joseph Kabila e la sua volontà di ricandidarsi
di

Sanità e istruzione in mano alla Chiesa, in un Paese in cui l’80% della popolazione è cattolica e che da alcuni mesi è sotto attacco delle forze governative, la situazione si sta facendo molto pericolosa

EsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteri
Gli immigrati africani? disertori, in un continente destinato a finire Le verità lapalissiane, difficili da dire e ingoiare, sull’immigrazione africana in Europa e sul futuro del Vecchio Continente, nelle parole di una nota attivista della Repubblica Democratica del Congo
di

Chi giunge in Europa dall’Africa? La maggioranza appartiene alla piccola e media borghesia africana. Per fermarli state finanziando Paesi che con i vostri soldi comprono armi con le quali seminano morte nelle vostre città

EsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteri
Zimbabwe: prove di colpo di Stato Dietro le movimentazioni dell'Esercito c'è la partita per la successione, che vede in campo USA, Gran Bretagna e Cina
di

Gli americani hanno individuato in Emmerson Mnangagwa il loro uomo, i cinesi puntano su Grace Mugabe. I fatti di ieri, più che un colpo di Stato fallito è stata una prova di forza dell’Esercito schierato con Mnangagwa. USA e Gran Bretagna forse preventivamente informati

EsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteri
Catalogna: il ‘teorema Llarena’ manda in carcere Forcadell e il separatismo L'ex Presidente del Parlamento catalano, Carme Forcadell, ha trascorso la notte in carcere, secondo il giudice sarebbe stata leader del percorso legislativo verso l’indipendenza unilaterale
di

Si chiude il cerchio dell’applicazione dell’articolo 155 da parte di Madrid; si apre una campagna elettorale, in vista del voto del 21 dicembre, che potrebbe essere decisamente infuocata

EsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteri
Catalogna: arriva l’Indipendenza (forse), non trova più i secessionisti Oggi il Parlament, al quale Puigdemont ha passato palla, potrebbe votare l’Indipendenza; prime defezioni tra i secessionisti, questa notte dimissioni del Ministro della Cultura, Santi Vila
di

27 ottobre 2017 nascita della Repubblica di Catalogna e contestuale commissariamento della Generalitat de Catalunya? E’ possibile. Intanto è crisi di governo con l’uscita dall’Esecutivo del leader dei moderati causa le «recenti evoluzioni e decisioni che il Presidente Puigdemont sarà costretto a prendere nelle prossime ore»

EsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteri
Le due giornate di Barcellona Oggi inizia la due giorni che si potrebbe concludere con la dichiarazione unilaterale di indipendenza, con un Puigdemont che guarda all'alba della Repubblica dall'orlo del burrone della crisi di Governo e lo stivale di Madrid pronto a calare sul terreno
di

Madrid: «Attacco contro lo Stato di diritto», «violazione del principio di legalità e di gerarchia normativa», questi sono i rischi che si affacciano sul percorso parlamentare del 155 proposto da Rajoy; Barcellona dichiarazione unilaterale dell’indipendenza con Ministri di Puigdemont pronti a dimissioni

EsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteri
Burundi, la Chiesa Cattolica è unita contro il regime? Profonda spaccatura nel Paese tra il clero che intende promuovere le direttive di pace e fratellanza di Papa Francesco e il clero che sostiene ancora Nkurunziza
di

Un attivista hutu burundese commenta e smentisce quanto sostenuto dal Vescovo Jachim Ntahondereye, Presidente della Conferenza episcopale burundese, in una intervista pubblicata su ‘Vatican Insider’

EsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteri
Catalogna: quel gran pasticcio dell’indipendenza che, più che sospesa, è simbolica, anzi, giuridicamente inesistente La dichiarazione di indipendenza è stata firmata dalla maggioranza dei membri del Parlamento catalano, si, ma non ha validità giuridica in quanto firmata fuori nell’emiciclo, in una stanza adiacente. E non è un particolare
di

Questa mattina il Governo spagnolo deciderà quali misure in risposta, tra queste all’esame vi è il commissariamento della Catalogna. Una dichiarazione senza validità giuridica può essere considerata una ‘violazione della Costituzione?

EsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteri
Catalogna: verso il 9 ottobre, con in sottofondo rumore di sciabole e fregate in movimento Lunedì 9 ottobre Puigdemont riferirà al Parlamento catalano l'esito del referendum; la dichiarazione dell'indipendenza potrebbe arrivare tra il 9 e il 12 ottobre. Intanto Madrid manda segnali con Esercito e Marina
di

Lunedì Puigdemont e i parlamentari catalani andranno a «valutare i risultati e gli effetti» del referendum e se vorranno rispettare la legge da loro stessi scritta dovranno concludere con il procedere alla dichiarazione dell’indipendenza. Il Ministero della Difesa ha ordinato l’invio in Catalogna di unità dell’Esercito; anche 3 fregate in arrivo a Barcellona