Autore Giacomo Gabellini

EsteriEsteri
Il Congresso mette sotto inchiesta le Ong riconducibili a Soros
Anche l'operato delle ambasciate Usa nei Balcani è finito al centro delle indagini
di

L’ambasciatore statunitense in Albania Donald Lu, nominato anch’egli da Obama, è fortemente sospettato di aver fornito al capo del governo locale, il socialista Edi Rama, tutto il supporto necessario ad attuare una riforma giudiziaria che il procuratore generale albanese Adriatik Llalla non ha esitato a bollare come un tentativo, andato il porto, di trasferire la magistratura sotto il controllo effettivo dell’esecutivo.

EsteriEsteriEsteri
La continuità della politica Usa in Medio Oriente
Gli obiettivi di Washington rimangono gli stessi da oltre 25 anni
di

Nel 2007, il generale in pensione Wesley Clark dichiarò di esser venuto a conoscenza di un piano elaborato dal governo Usa mirante a «far fuori sette Paesi in cinque anni, ovvero Iraq, Siria, Libano, Libia, Somalia, Sudan e per finire Iran».

EsteriEsteriEsteriEsteri
Asian Infrastructure Investments Bank: Pechino sfida gli Usa
Ecco la banca cinese che finanzia Belt and Road e si candida a contrastare lo strapotere di Fmi e Banca Mondiale
di

L’Aiib in aperta concorrenza con Fmi, Banca Mondiale e Asian Development Bank -controllate dagli USA- dal punto di vista di Washington rappresenta uno strumento pericolosissimo e che proietta il soft power di Pechino in Europa, Asia, Africa

EsteriEsteriEsteriEsteriEsteri
I grandi affari di Wall Street in Russia
Le sanzioni non ostacolano il business delle grandi banche Usa
di

Jp Morgan Chase e Goldman Sachs, i due potentissimi istituti di credito statunitensi, nonostante le sanzioni, sono riusciti a imporsi come seconda e terza maggiore banca d’investimento operante all’interno dei confini russi, alle spalle della russa Vtb Bank

EsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteri
La ‘tax revolution’ di Trump
A cosa porterà il radicale abbassamento delle imposte negli Usa?
di

Il presidente è chiamato al difficilissimo compito di ‘porre un freno’ sostanziale alla globalizzazione dilagante. L’obiettivo è quello di restaurare il rapporto di comune convenienza che fino a qualche decennio fa legava l’apparato dominante Usa e gran parte del popolo statunitense

EsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteri
Usa-Russia: che fare?
Dove porta l'aumento della tensione tra le due potenze
di

Il leader del Cremlino è convinto che la politica muscolare e assertiva condotta da Washington non possa che alienare agli Stati Uniti sempre più simpatie e solidarietà internazionale, e rivelarsi quindi un colossale fallimento sul piano strategico.

EsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteri
Il ‘doping’ di Wall Street
Cosa c'è dietro la crescita ipertrofica dei listini azionari statunitensi?
di

Dal ricorso sistematico al buyback si evince che ‘le società ammettono, usando il cash per acquistare azioni proprie, di non avere molte idee per un uso produttivo della liquidità o, peggio ancora, di non avere fiducia nel futuro del loro settore’

EsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteri
Trump e Cia, Davide contro Golia?
Si allarga la frattura tra Langley e la Casa Bianca
di

Trump pensava di ridimensionare ruolo e funzione della Cia in nome di un accentramento di poteri nelle mani della Casa Bianca. Si trattava, in buona sostanza, di limitare il raggio d’azione dell’Agenzia – e più in generale di tutte le strutture di intelligence – alla sola raccolta delle informazione, lasciando che fossero il presidente e i suoi più stretti collaboratori a elaborare piani d’azione e strategie operative.

EsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteri
La bolla della Silicon Valley
I molti problemi legati alla crescita dell'industria californiana dell'hi-tech
di

La crescente divaricazione tra l’ascendente new economy e la declinante old economy è inesorabilmente gravida di ripercussioni sul piano sociale, allargando sempre più la voragine che separa la vallata californiana, popolata da miliardari, dal resto degli Stati Uniti

EsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteri
Il divide et impera di Trump
Come gli Usa contano di rompere l'alleanza tra Russia, Cina ed Iran
di

Secondo l’esperto analista William Engdahl, per il nuovo presidente l’obiettivo consisterebbe nel mantenere un certo livello di divisione all’interno del ‘triangolo strategico’ così da garantire un equilibrio di potere favorevole a Washington

EsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteri
Trump il keynesiano
Il magnate conta di rilanciare l'economia Usa incrementando le spese militari
di

Una politica di cortissimo respiro, perché lesinando risorse alla cultura e all’ambiente non fa che sacrificare il futuro in nome del presente e caricare un ulteriore onere sulle prossime generazioni

1 2 3 8