Autore Stefano Fait

Consulente di orientamento strategico e analista di tendenze

EsteriItalia
Gattaca e l’era spaziale di massa
Nessuno può prevedere che tipo di persona ciascuno di noi sarà tra qualche anno. Lo scenario del film Gattaca ci aiuta a capire un futuro 'diverso'
di

L’impatto principale si avrà nella distribuzione dell’energia e nel tenore di vita della popolazione e nella completa rielaborazione dei concetti di lavoro, pensione, tempo libero, denaro, investimenti, priorità esistenziali, educazione, ecc. Il secondo maggior impatto si avrà nella mobilità

EsteriItaliaItaliaItalia
Crisi demografica: è tutta colpa della povertà? Essere poveri vuol dire avere molte meno opzioni realistiche, molti meno futuri possibili
di

In realtà, si è calcolato che uno status socio-economico inferiore possa arrivare a ridurre l’attesa di vita di ben 2 anni e un mese. Peggio fanno solo fumatori, diabetici o chi conduce uno stile di vita sedentario. Chi è obeso o soffre di alta pressione se la cava molto meglio, in prospettiva. Essere poveri significa non potersi permettere cose come il cibo biologico, un’assicurazione adeguata, una buona istruzione.

EsteriItaliaItaliaItaliaEsteri
Superman & Wonder Woman
Equità tra uomini e donne: la necessaria battaglia contro una società disfunzionale
di

Potere e ricchezza possono fungere da anestetici, ma non curano le ferite della coscienza. La nostra civiltà, se vuole sopravvivere, dovrà favorire società eque. Il patriarcato è una patologia anacronistica. Uomini che ‘non debbono chiedere mai’ e donne all’incessante ricerca di protezione costruiscono inevitabilmente società disfunzionali.

EsteriItaliaItaliaItaliaEsteriItalia
Automazione: non lasciamoci intimidire dalla libertà
Le macchine si faranno carico dei nostri bisogni essenziali tramite la produzione di energia e cibo e lo faranno molto meglio di noi
di

Quando tutto sarà automatizzato i soldi saranno diventati superflui, cesseranno di avere una qualsiasi utilità, se non per i collezionisti. Nessuno può morire di fame in un mondo in cui le macchine si occupano di vitto, alloggio, distribuzione, produzione ed erogazione di energia.

EsteriItaliaItaliaItaliaEsteriItaliaEsteri
OROB: la Cina lancia un messaggio positivo
One Belt and One Road segna il ritorno in auge del modello produttivistico e l’abbandono del modello di 'crescita' finanziarizzata. Mentre noi europei vivacchiamo rassegnati, il resto del mondo traduce la fantascienza in realtà
di

Un progetto mastodontico come quello della Nuova Via della Seta dimostra che il cambiamento è possibile, che ci saranno spazi di crescita e cooperazione personale e collettiva, oltre il paradigma del globalismo neoliberista e i populismi

EsteriItaliaItaliaItaliaEsteriItaliaEsteriEsteri
Belt and Road: una via d’uscita per la Corea del Nord
Esiste verosimilmente una volontà internazionale di pacificare la penisola coreana per poter procedere al completamento della Nuova Via della Seta
di

Il futuro eurasiatico è già segnato, è One Belt, One Road (OBOR), e l’interconnessione di tre continenti potrebbe placare gli animi e sollecitare interazioni più collaborative tra i popoli e le Nazioni