Autore Virgilio Carrara Sutour

Esteri
Migranti ambientali, una realtà ‘sommersa’
Dove confluiscono ambiente, sviluppo e migrazione? Un fenomeno poco discusso e studiato da tempo, destinato a crescere rapidamente
di

Poco più di un mese fa, al G20 di Amburgo, il premier Paolo Gentiloni ha richiamato la consapevolezza della distinzione tra rifugiati e migranti ‘economici’, laddove…

EsteriItalia
Ong: superare la frattura
‘Governativo’ / ‘non governativo’ - oltre il dualismo, attraverso una sinergia di intervento di lunga durata. È possibile, lontano dagli slogan. Parola di Nino Sergi
di

Mentre cresce il numero di Ong che aderiscono al «Codice di condotta» redatto dal governo italiano (finora, 5 su 9), le ragioni di attori come Medici…

EsteriItaliaEsteriItalia
‘Zero in condotta’: operazioni SAR e ruolo delle ONG
Il «Codice di condotta» per le ONG resta il ‘pomo della discordia’, non solo per i diretti interessati, ma anche tra i nostri rappresentanti di governo
di

Governo diviso, si salva la ‘linea dura’. «Codice di Condotta»: voci dal fronte del NO. Natura storica di Frontex e divergenze strategiche sul mare nostrum

EsteriItaliaEsteriItaliaItalia
Flussi migratori: ripartire dai diritti umani
Siamo lontani dalla costruzione di un sistema di tutela organico ed efficace? Ne parliamo con il Professor Rosario SapienzaSiamo lontani dalla costruzione di un sistema di tutela organico ed efficace? Ne parliamo con il Professor Rosario Sapienza
di

Per gli aspetti che presenta nella sua evoluzione recente, la questione migratoria offre diversi elementi , alcuni dei quali raccolti a più riprese dalle istituzioni nazionali…

EsteriItaliaEsteriItaliaItaliaItalia
Protezione internazionale: nelle crepe del sistema
Intervista all’Avv. Riccardo Campochiaro, del Foro di CataniaIntervista all’Avv. Riccardo Campochiaro, del Foro di Catania
di

‘I criteri che impone la Bossi-Fini creano problemi rispetto alla possibilità di una effettiva integrazione sociale, in particolare per i migranti. Rilascio dei permessi umanitari temporanei? Strada percorribile’

EsteriItaliaEsteriItaliaItaliaItaliaItalia
Diplomazia e derive dell’accoglienza
L'Italia nell'emergenza perenne, tra opacità di indirizzo e prassi illegali. Intervista a Giuseppe Campesi, esperto in sociologia delle migrazioni e logiche dell'accoglienza dell'Università di Bari
di

Mentre a Tallin il fronte del NO all’apertura dei porti ha confermato la linea dura già annunciata, nei giorni scorsi, a Parigi e Bruxelles, il ‘cruscotto’…

EsteriItaliaEsteriItaliaItaliaItaliaItaliaEsteri
Migranti: tra geopolitica e geografia umana
In vista del vertice di Tallin, a Bruxelles sono state ribadite diverse restrizioni per le organizzazioni coinvolte
di

Permane la linea dura sulla questione migratoria: sanzioni alle ong del mare, ricollocamenti elusi e assenza di cooperazione – aspettando il vertice

EsteriItaliaEsteriItaliaItaliaItaliaItaliaEsteriEsteriEsteri
Terrorismo e sicurezza: mutazione criminale e categorie in ‘caduta libera’
Per comprendere la dinamica jihadista occorre uscire da logiche e realtà lineari: la multi-dimensionalità del crimine organizzato secondo Arije Antinori
di

‘Dobbiamo essere attenti ad osservare e adoperare un’intelligence culturale in grado di porre in luce immediatamente i segnali di mutamento. Il problema, oggi, è gestire la complessità, non la sicurezza.  Occorre una formazione nuova per gli operatori,  ci vuole la cross-disciplinarietà’

EsteriItaliaEsteriItaliaItaliaItaliaItaliaEsteriEsteriEsteriEsteri
Europa, terrorismo: tra paura e consapevolezza
Di fronte a nuove modalità e bersagli, quali sono le strategie di risposta alla minaccia terroristica? Risponde Arije Antinori
di

“La sfida deve essere quella della multi-attorialità, della multidimensionalità, dei molteplici modi operandi , la logica di colpire secondo modalità differenziate”

EsteriItaliaEsteriItaliaItaliaItaliaItaliaEsteriEsteriEsteriEsteriItalia
Il suolo, una risorsa non rinnovabile
Un consumo contenuto inizia dalla percezione dei fattori di pericolo. E da un limite all’espansione. Ma il Ddl è ancora fermo in Senato
di

Come risorsa divenuta bene comune in ritardo rispetto ad altre realtà nazionali e a fronte degli impatti subiti dalla società energivora, il suolo costituisce in misura crescente una priorità del nostro ordinamento