Autore Fulvio Beltrami

EsteriEsteriEsteri
La East Africa Community arranca Integrazione economica piena di ostacoli, ma le divergenze tra Stati sono su tutta la linea, anche sulla politica estera. Si rischia il fallimento del progetto
di

L’integrazione sociale ed economica dell’Africa Orientale è di cruciale importanza per l’indipendenza economica non solo della Regione dei Grandi Laghi ma per l’intero Continente. Eppure il progetto regionale sta riscontrando vari ostacoli

EsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteri
Congo, regalo di Natale ugandese: invasione militare nel Nord Kivu Operazione militare preventiva concordata per bloccare imminente invasione dei terroristi islamici ADF, secondo l'Uganda, ma il Congo tace. Molti i dubbi
di

Forti i sospetti che l’invasione del Nord Kivu sia una decisione unilaterale ugandese avente scopi diversi di quelli ufficialmente dichiarati, ovvero traffico di minerali, egemonia economica ugandese sul distretto di Kasindi e di Lubero

EsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteri
Liberia. Interferenze americane, oro e frodi elettorali I media occidentali continuano ad osannare la Sirleaf presentandola come una Donna di Pace attenta al benessere del suo popolo
di

Il verdetto della NEC ha costretto la Corte Suprema a levare l’ordinanza di sospensione del secondo turno che si doveva svolgere il 07 novembre scorso. Si sospetta che dietro al rinvio delle elezioni vi sia il Presidente in carica Ellen Johnson Sirleaf al potere da 12 anni

EsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteri
Il non detto di Abidjan: nessun accordo commerciale Africa – Europa Il Piano Marshall per l’Africa aveva un obiettivo nascosto e fallito: firmare gli accordi commerciali tra UE e Unione Africana, bloccati da 6 anni
di

Nessun accordo commerciale. Dimenticatevi gli Accordi di Lomé, di Cotonou e tutti gli altri inganni. Crolla il sogno europeo di mantenere soggiogata l’Africa nonostante la Francia mantenga ancora forte la sua influenza sulle ex colonie

EsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteri
Sudan, Bashir passa il bastone del comando? Il Presidente avrebbe espresso la volontà di uscire dalla scena politica del Paese e indicato un successore. Ma l'operazione non è per nulla facile e scombina i piani europei e americani
di

Mohamed Tahir Ayala è stato indicato da Bashir, un volto che potrebbe essere gradito all’Occidente; a contendergli la poltrona c’è il Primo Ministro Bakri Hassan Saleh; un nuovo mandato di Bashir è quanto sperano gli estremisti islamici interni al partito di Governo

EsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteri
Congo: strage di Caschi Blu della MONUSCO come avvertimento agli Stati Uniti Il 7 dicembre attacco al campo militare a Semuliki. Lo scontro è stato violentissimo e il bilancio un orribile tributo di sangue: 15 morti e 53 feriti
di

Un attacco voluto dal Presidente Kabila per dare un avvertimento a Washington e alla missione ONU: ‘Le vostre interferenze non sono gradite e noi siamo pronti a fronteggiarvi’

EsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteri
Burundi, la lunga mano di Buyoya dietro l’inchiesta CPI Il lavoro certosino di Pierre Buyoya dietro all'inchiesta che la Corte sta conducendo; il regime ora uccide i suoi stessi uomini degli squadroni della morte, anche quello che uccise le 3 suore italiane
di

Ecco in esclusiva le vicende che hanno reso possibile alle Nazioni Unite e a CPI di avere finalmente le prove inconfutabili e i testimoni chiave per allestire il primo Processo di Norimberga africano, quello contro Pierre Nkurunziza

EsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteri
Rwanda, immigrati da Israele: più business che solidarietà Patto segreto stipulato sulla pelle di rifugiati: 30.000 immigrati dovrebbero essere nel Paese africano, che incasserà 5.000 dollari per ogni rifugiato accolto
di

Il Rwanda ha la più alta percentuale di densità di popolazione della regione e il problema delle terre è inserito nelle logiche di sicurezza nazionale. Dove possono vivere questi 30.000 deportati cacciati da Israele? Potranno rifarsi una vita in Rwanda, trovare un lavoro?