Autore Fulvio Beltrami

Esteri
L’Africa si prepara alla rivoluzione edile chiamata Typha
Dall’edilizia popolare ai Real Estate e strutture alberghiere, imprese locali, occidentali e asiatiche stanno facendo affari d’oro
di

La scelta dei materiali edili spesso non è adatta al clima. La pianta ha importanti qualità di isolazione termica che, se associata ad altri materiali organici quali vetro e legno, offre un perfetto microclima

EsteriEsteriEsteri
Sudan: giovani adolescenti sfidano la Sharia
Un fenomeno di ribellione accuratamente nascosto dal regime
di

Le giovani ragazze della borghesia si ribellano al Hijab e fanno raid nei luoghi pubblici di Khartoum senza velo e vestite all’occidentale in protesta contro la legge islamica

EsteriEsteriEsteriEsteri
Rwanda – Santa Sede, inizia la nuova era dei Grandi Laghi
Papa Francesco vede Kagame: una visita tutt'altro che scontata frutto di una intensa attività diplomatica
di

Arriva la denuncia del Santo Padre delle pesante responsabilità della Chiesa Cattolica nel genocidio avvenuto nel 1994. Parole che contengono messaggi politici di inaudita importanza per il futuro della Regione

EsteriEsteriEsteriEsteriEsteri
Boko Haram minaccia il Ciad: instaureremo lo Stato Islamico
Minaccia allargata a Benin, Camerun, Niger, Nigeria e Mali
di

DAESH attraverso l’alleanza con Boko Haram e Al-Shabaab, sta tentando di creare il Califfato Islamico del Grande Sahara e il Califfato Islamico dell’Africa Occidentale. Suoi istruttori sono presenti nella regione

EsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteri
Gibuti diventa il centro delle tensioni internazionali
Il business delle basi militari è un ottimo affare per il governo. Ma aumentano anche i rischi
di

La Cina intende sfruttare la futura base nel Paese come un punto di pronto intervento militare nel Continente per meglio difendere i propri interessi (come fanno gli altri). Intanto ripresi gli scontri interni al Paese

EsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteri
Minerali insanguinati: ecco il business di Kabila
Due quarti di riserve mondiali di minerali rari necessari per l’industria IT sono nell'Est del Congo gestiti illegalmente dalla famiglia Kabila
di

Dal 2002 al 2009 la Famiglia Kabila ha creato un network mafioso che coinvolge diversi attori congolesi, regionali, americani ed europei. I terroristi ruandesi di FDLR sono finanziati da questo business: a loro il 40% ai Kabila il 60%

EsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteri
Congo: guerra aperta tra Kabila e Papa Francesco
Chiese attaccate in tutto il Paese, luoghi sacri profanati. Il mandante sarebbe il Presidente Kabila e le ragioni politiche
di

A rischio sacerdoti e fedeli. Alcuni Paesi africani insieme a Stati Uniti, Canada, Belgio e UE starebbero lavorando a una coalizione per far uscire di scena Kabila

EsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteri
UNHCR: 4mln $ contro la colonizzazione dell’est Congo
Il programma punta a far rientrare in Rwanda 20000 sui quasi 50000 rifugiati hutu
di

Vari osservatori però fanno notare i pericoli, tra i quali il forte rischio che i rifugiati accettino di rientrare nel loro Paese per accedere ai fondi per poi rientrare nei propri territori

EsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteri
Congo: FDLR e colonizzazione Hutu nel Nord Kivu
A sostenere la colonizzazione sono i terroristi FDLR e il Governo di Kinshasa, anche per interesse elettorale di Kabila
di

Obiettivo: offrire ai terroristi ruandesi e ai profughi hutu una Hutuland nel Nord Kivu, una regione autonoma hutu in pieno territorio congolese che rappresenta un tentativo di accerchiamento del Rwanda

EsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteri
Burundi: il regime minaccia le Nazioni Unite
Il Governo intenderebbe sottoporre il nuovo personale ONU a severe interviste prima di rilasciare il permesso di soggiorno
di

Tra i membri del Consiglio di Sicurezza si starebbe facendo strada l’idea di un intervento di una forza multinazionale per destituire il Governo illegittimo di Nkurunziza

EsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteriEsteri
Marocco: una genuina voglia d’Africa?
Ritiro unilaterale da Guerguerat, ma Sahara Occidentale rimane spina nel fianco per il Marocco che guarda all'Africa
di

Re Mohammed VI intende orientarsi verso l’Unione Africana, adottando una politica di mera convenienza verso i partner europei