mercoledì, settembre 19

Astronauta giapponese: tra crescita miracolosa nello spazio e fake news Sono cresciuto in altezza di nove centimetri in tre settimane: poi corregge il tiro. Ma i social non lo perdonano

0

«Sono cresciuto in altezza di nove centimetri in tre settimane». Così su Facebook Norishige Kanai, astronauta giapponese in missione sulla stazione spaziale orbitante Iss, ha lanciato questa incredibile notizia. La paura del giapponese è di non riuscire a entrare sul sedile del veicolo russo Soyuz che dovrebbe riportarlo a casa a giugno.

In realtà questa ‘crescita’ è normale nello spazio.  In media tra due e cinque centimetri sono gli aumenti per gli astronauti, grazie all’assenza di peso dovuta al fatto che la Iss si trova in una condizione di caduta libera, che consente alle vertebre di allontanarsi l’una dall’altra. Al ritorno sulla terra ferma, nel giro di qualche settimana però gli astronauti tornano all’altezza di prima della partenza. Per il giapponese, l’aumento di altezza era stato maggiore del previsto. Poi però è stato costretto a correggere il tiro: la crescita sarebbe stata di soli 2 centimetri. Tanto che addirittura l’astronauta sui social è stato accusato di diffondere fake news. 

(video tratto dal canale Youtube di IBTimes UK)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.