sabato, maggio 26

Articolo 50: il futuro prossimo della Gran Bretagna

0

Il 2019 è l’anno atteso per l’uscita della Gran Bretagna dal club dei Paesi europei. L’articolo 50 del Trattato di Lisbona, quello che contempla l’abbandono dell’Unione Europea di un suo membro, necessita infatti di due anni per entrare in vigore dal momento del suo annuncio.

Il Primo Ministro britannico Theresa May ha annunciato che l’agognato ricorso all’articolo 50 avverrà il 29 Marzo. Nei due anni che seguiranno avranno poi luogo le discussioni tra autorità europee e britanniche per decidere sulle modalità di uscita del Regno Unito e sul futuro rapporto che si instaurerà tra le due sponde della Manica.

Si attende dunque la formale richiesta di Theresa May al Presidente del Consiglio Europeo, il ‘veterano’ dell’Unione, il polacco Donald Tusk. Dopo 48 ore si avrà la risposta europea, che invierà ai britannici una bozza delle modalità e tempi dei negoziati. Seguirà un meeting dei vari leader europei che decideranno la posizione comune dell’Unione: le figure chiave saranno Michel Barnier (negoziatore per la Commissione Europea), Didier Seeuws (negoziatore per il ‘brexit’ del Consiglio Europeo) e Guy Verhofstadt (negoziatore rappresentante del Parlamento Europeo).

Tra i vari temi discussi ci sarà anche quello di regolamentare lo stato dei cittadini europei residenti in Gran Bretagna e di quelli britannici sul Continente, oltre che la discussione di un trattato di libero scambio tra le due parti. In ogni caso, anche se nessun accordo dovesse venire alla luce, il Regno Unito lascerà formalmente l’Unione nel 2019.

Video tratto dal canale Youtube ‘The Telegraph

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.