sabato, luglio 21

Antartide: i robot che studiano lo scioglimento dei ghiacciai «Se otterremo risultati, potrebbero essere molto importanti».

0

Una rete di tre robot e quattro galleggianti autonomi dotati di sensori è stata predisposta per essere dispiegata al di sotto di una porzione della calotta glaciale dell’ Antartico occidentale. Soprattutto a causa del cambiamento climatico, lo scioglimento potrebbe non essere una possibilità lontana e potrebbe causare l’ innalzamento, anche di diversi metri, del livello del mare. I sensori sono distribuiti in modo tale da capire come sta cambiando il paesaggio ghiacciato.

Per fare questo, pochi giorni dopo Natale, la nave che trasportava i robot sviluppati dai ricercatori dell’ Università di Washington in collaborazione con la fondazione filantropica del cofondatore di Microsoft Paul G. Allen, è salpata da Littleton, in Nuova Zelanda e, circa due settimane dopo, raggiungerà il mare di Amundsen, dove i ricercatori metteranno in mare i robot. 

Ma quali sono gli strumenti che sono stati inviati per lo studio dell’ Antartide? Sono innanzitutto galleggianti che possono regolare la possibilità di spostarsi più in profondità. Ma se i galleggianti hanno una durata di cinque anni, i robot  possono durare un anno nell’oceano. Se comprati su mercato, i galleggianti costerebbero circa 25 mila dollari e i robot circa 200 mila dollari. Questo quanto rivelato da Craig Lee, un oceanografo dell’Università di Washington che lavora alla missione.

I galleggianti saranno inviati sotto la piattaforma di ghiaccio e saranno trasportati con la corrente fino a quando non riemergeranno. All’inizio, i robot andranno un po ‘sotto il ghiaccio e torneranno in superficie per trasmettere i dati via satellite. Poi andranno un po’ più in profondità prima di affiorare nuovamente.

I ricercatori sanno che l’acqua intorno all’Antartide si è riscaldata, ma mancano delle misure dell’acqua più precise. «Abbiamo grandi lingue di ghiaccio galleggianti  che sostengono essenzialmente il ghiaccio sotto la lingua“, ha detto Lee che ha poi aggiunto: «Se togli quella grande lingua fluttuante, porti via il contrafforte».  Questo  impedisce al ghiaccio interno di scorrere verso il mare. Ma, ha detto, «la nostra capacità di prevedere come funziona è limitata a causa della mancanza di osservazione. Non sappiamo quanto abbiamo bisogno di sapere sulle dinamiche di questa calotta di ghiaccio. Se otterremo risultati, potrebbero essere molto importanti».

(Video tratto dal canale Youtube IBTimes UK)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore