venerdì, luglio 20

Amazzonia vicina al punto di non ritorno Se il grado di deforestazione raggiungerà il 20% si arriverà a un baratro climatico: ora siamo al 17%

0

L’Amazzonia e la sua foresta sono vicini ad un punto di non ritorno. Negli ultimi 50 anni il 17% della vegetazione è andato distrutto. Se il grado di deforestazione raggiungerà il 20% si arriverà a un baratro climatico, come dicono gli scienziati.

In prima linea da sempre dell’Amazzonia c’è lo scienziato, ricercatore e Premio Nobel per la pace brasiliano Carlos Nobre, secondo cui «la deforestazione potrebbe causare un cambiamento climatico che, associato al surriscaldamento globale, trasformerebbe metà della superficie dell’Amazzonia in una prateria degradata».

A rischio è il ciclo naturale delle piogge il cui cambiamento avrebbe un impatto potenzialmente devastante sul tutto il pianeta. Le principali cause del disboscamento sono l’industria del legname e il settore dell’allevamento di bovini. Sotto accusa il Brasile, che non riesce più a governare il fenomeno in Amazzonia, ma in generale gli scienziati fanno appello anche ai leader mondiali affinchè scongiurino questa catastrofe, che è davvero vicinissima.

 

(video tratto dal canale Youtube di Euronews)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore