martedì, luglio 17

Amazon Watch: la necessaria difesa delle comunità indigene Amazzonia: vivere in armonia nella foresta pluviale

0

Amazon Watch è una organizzazione non-profit che lavora per proteggere le foreste tropicali e promuovere i diritti dei popoli indigeni del bacino amazzonico. Le comunità indigene dovrebbero essere il principale punto di riferimento per la difesa della foresta pluviale. Lo sfruttamento delle floride terre dell’Amazzonia stanno danneggiando la regione e la vita della popolazione stessa.

Circa 400 tribù indigene differenti sopravvivono fisicamente e culturalmente grazie al grande polmone verde amazzonico. Secondo i tassi attuali che riguardano la deforestazione, approssimativamente il 50% dell’Amazzonia potrebbe essere danneggiata irrimediabilmente nel 2020 e la vasta maggioranza della popolazione indigena non avrebbe, quindi, più un luogo in cui vivere.

Amazon Watch opera per evitare che accada questo, ponendo al centro dell’attenzione l’autodeterminazione della popolazione amazzonica come unica chiave di successo per un’efficace strategia di conservazione del territorio, patrimonio dell’umanità. Considerando che le terre di cui parliamo rappresentano l’80% della biodiversità dell’intero globo, è comprensibile come esse siano prese di mira dalle industrie. Le ricche risorse attirano interessi monetari che rischiano, però, di distruggere tutto ciò che andrebbe, invece, protetto.

(video tratto dal canale Youtube di AmazonWatch)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore