sabato, aprile 21

Aerei, il 2017 è stato l’anno più sicuro A dirlo sono due studi pubblicati da una società di consulenza olandese, la To70, e dal gruppo Aviation Safety Network

0

Il 2017 è stato l’anno più sicuro nella storia dell’aviazione commerciale mondiale. A dirlo sono due studi pubblicati da una società di consulenza olandese, la To70, e dal gruppo Aviation Safety Network. In particolare secondo quest’ultimo, l’anno scorso ci sono stati 10 incidenti mortali con 79 vittime rispetto ai 16 incidenti con 303 vittime nel 2016.

L’incidente più grave del 2017 c’è stato proprio ad inizio anno, a gennaio, quando un aereo cargo turco è precipitato su un villaggio nel Kirghizistan uccidendo i quattro membri dell’equipaggio e 35 persone a terra. E l’incidente che ha coinvolto un aereo passeggeri con il più elevato numero di morti è stato quello dell’ultimo dell’anno in Costa Rica, costato la vita a 12 persone. Insomma cifre ‘irrisorie’ se paragonate agli anni precedenti.

Naturalmente gli studi hanno lasciato deliberatamente fuori incidenti che hanno coinvolto aerei militari o elicotteri: non è stato preso in considerazione quindi il disastro più grave dell’anno dell’aereo da trasporto militare birmano Y-8 caduto in giugno con 122 vittime.

(video tratto dal canale Youtube di Ashutosh sahu)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.