mercoledì, settembre 19

Accadde Oggi: Palestina, una stretta di mano per la pace 13 settembre 1993: Rabin e Arafat siglano gli accordi di Oslo

0

Della difficile risoluzione del conflitto israelo-palestinese e di come questo appaia sempre più come una matassa pressoché impossibile da sbrigliare, si è già detto e scritto molto, anche in questa rubrica. Tuttavia, ci sono stati momenti in cui lo scontro sembrava essere più vicino alla sua fine e la situazione in Terra Santa pareva essere prossima a un esito felice.

Il 13 settembre 1993 è stato uno dei quei momenti. Il Primo Ministro di Israele Yitzhak Rabin e il leader dell’Organizzazione per la Liberazione della Palestina (OLP) Yasser Arafat si strinsero la mano alla Casa Bianca, sotto lo sguardo del Presidente degli Stati Uniti Bill Clinton. I due leader avevano appena siglato gli accordi di Oslo, che fra le altre cose garantiva ai palestinesi, oltre a forme di cooperazione economica, un’autonomia limitata nelle aree della striscia di Gaza e di Gerico. Altre questioni, come quella di Gerusalemme, venivano lasciate in sospeso, da risolvere in altri futuri accordi. Certamente il conflitto non poteva dirsi del tutto concluso, ma un importante passo in quella direzione sembrava essere stato fatto, tanto che Rabin e Arafat furono insigniti del Premio Nobel per la pace.

In Israele, tuttavia, gli elementi più conservatori e radicali considerarono questo accordo come un inaccettabile concessione fatta ai nemici palestinesi: il 4 novembre 1995, il Primo Ministro Yitzhak Rabin terminava anzitempo il suo secondo mandato, venendo ucciso da un militante della destra israeliana, Yigal Amir, contrario agli accordi di Oslo. Con la morte di Rabin, le prospettive di pace in Terra Santa perdevano un loro campione e questo fece precipitare la situazione, cancellando, con un colpo, una buona parte di quanto era stato fatto fino ad allora in termini di ricomposizione dell’eterno conflitto. Sono passati venticinque anni da quella stretta di mano: ad oggi, è stato solo un fuoco di paglia.

https://youtu.be/Coj-IC1Al9g

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore