mercoledì, settembre 19

Accadde Oggi: nasce il Sud Sudan 9 luglio 2011: indipendenza del Sudan del Sud

0

In questa rubrica si è spesso parlato di indipendenze. Senza dubbio, la nascita di uno nuovo Stato è un momento molto importante per un popolo, ma anche per il nuovo scacchiere geopolitico, la nuova rete di relazioni internazionali che, giocoforza, una nuova entità statale crea necessariamente. Non è un caso, dunque, che la nascita di un nuovo Stato non è mai una questione puramente interna ai confini entro i quali essa avviene, ma spesso ha bisogno di un solido sostegno estero e del favore delle organizzazioni internazionali.

A questa logica non è sfuggito il Sud Sudan. Già regione autonoma del Sudan, che si era reso indipendente dall’Egitto e dalla Gran Bretagna nel 1956 (i due Stati erano in codominio), ha attraversato nella seconda metà del XX secolo una serie di guerre civili che hanno più volte modificato il proprio status. Infatti, il Sud Sudan ha avuto sempre una storia piuttosto distinta dal suo omonimo vicino: fra il 1955 e il 1972 nel territorio sudanese ha avuto luogo la Prima guerra civile sudanese, che vedeva contrapposto lo Stato centrale e i separatisti sudanesi, che rivendicavano maggiori autonomie. Dopo undici anni dalla fine della Prima, è scoppiata la Seconda, che ha avuto luogo dal 1983 al 2005. In cinquant’anni di vita, il Sudan era rimasto impegnato in un conflitto armato con i separatisti del sud per trentaquattro anni. Le persone nate nel Sudan indipendente avevano conosciuto per più tempo la guerra che la pace.

Era pertanto chiaro che la convivenza fra le due regioni del Sudan era molto difficile. Si decise così di istituire un referendum, per lasciare alla gente del Sud Sudan la decisione. Si votò dal 9 al 15 gennaio 2011, con un quorum del 60% per ritenere il voto valido. La partecipazione fu elevatissima: oltre il 96% degli aventi diritto. Il verdetto fu unanime: il 98% degli elettori scelsero l’indipendenza. Fu così che il 9 luglio del 2011 la Repubblica del Sudan del Sud iniziò la sua vita, che, da subito, si preannunciava non facile.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore