lunedì, luglio 23

Accadde Oggi: Kiribati, la nuova Atlantide? 12 luglio 1979: Kiribati è indipendente

0

Il mito di Atlantide rimane uno dei più affascinanti: un’isola continente che sarebbe stata sede, in un passato remoto, di una fiorentissima civiltà, cancellata dalle acque oceaniche che, sommergendo l’isola, ne avrebbero concluso l’esistenza. Svariati (e imprecisati) millenni dopo, il surriscaldamento globale potrebbe portare alla formazione di una Nuova Atlantide: l’innalzamento del livello dei mari potrebbe portare, secondo alcune previsioni, alla scomparsa di alcune isole. Fra queste c’è l’arcipelago di Kiribati.

Kiribati è costituita da 33 isole, perlopiù atolli, situati nel pieno dell’Oceano Pacifico. Fa parte di una delle miriadi di arcipelaghi, isole e isolette che compongono l’Oceania. Abitate da 110 mila abitanti, le isole di Kiribati fanno capo a Tarawa Sud, la capitale. Come pressoché tutto il continente, ha un passato come colonia britannica, come testimonia il fatto che, accanto al gilbertese, la lingua ufficiale è l’inglese. Il suo nome precedente, infatti, era Isole Gilbert, di cui Kiribati è la forma corrotta dalla pronuncia della lingua locale.

Questo arcipelago oggi festeggia i 39 anni dalla sua indipendenza, che ebbe luogo il 12 luglio del 1979. Come la maggior parte dei possedimenti coloniali britannici, conobbe una decolonizzazione morbida, non combattuta con le armi, come accadde in molti dei possedimenti francesi. La Gran Bretagna concesse forme di autogoverno già a partire dagli anni Sessanta. Nel 1977, le isole Gilbert ottennero l’autogoverno, mentre le vicine isole Ellice – accomunate ad essa in epoca coloniale – ottenevano l’indipendenza con il nome di Tuvalu. Il 1978 fu la volta del voto, che portò all’elezione di Ieremia Tabai, 27enne, a Primo Ministro e, più tardi, Presidente. Era quindi arrivato il momento di rendere tutto ufficiale: il 12 luglio del ’79 nacque così la Repubblica presidenziale di Kiribati.

Oggi questo atollo rischia di scomparire: la speranza è che si riesca a scongiurare l’esistenza di una Atlantide nel bel mezzo del Pacifico.

https://www.youtube.com/watch?v=41mtBirNjgo

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore