giovedì, maggio 24

Accadde Oggi: inizia il genocidio armeno 23 aprile 1915: primi arresti degli intellettuali armeni

0

Il riconoscimento delle pagine più tristi della propria storia non è mai un processo semplice e lineare: fare i conti con il proprio passato richiede un profondissimo esame di coscienza e una grandissima capacità di analizzare le cause dei propri sbagli. Ci si scontra con se stessi, con il giudizio di coloro che hanno sofferto per i propri errori e con quello di chi sta a guardare. Tuttavia, fare quest’operazione è necessario per chiudere capitoli del proprio passato e ricostruire se stessi per il futuro. Soprattutto se si è responsabili della morte di un milione e duecentomila persone e ci si vuole presentare al mondo come un Paese moderno. Stiamo parlando della Turchia e del genocidio armeno, mai riconosciuto da Ankara.

Nel corso della Prima Guerra Mondiale, la Turchia (allora Impero Ottomano) combatteva a fianco degli Imperi Centrali contro Russia, Francia e Gran Bretagna. Era uno Stato multietnico, composto da varie minoranze, fra cui quella armena. Vi erano timori che la popolazione armena disertasse l’esercito ottomano per unirsi a quello russo, come, in effetti, accadeva sempre più spesso. La popolazione armena veniva inoltre finanziata dai francesi, per indebolire dall’interno il grande Impero Ottomano. Nella notte fra il 23 e il 24 aprile del 1915 vennero arrestati intellettuali, scrittori, pensatori di etnia armena: era l’inizio del genocidio armeno. Vennero raccolti, negli anni, oltre un milione di armeni, costretti a lunghe marce che portarono alla loro morte, per fame, fatica e percosse. In queste marce, l’esercito ottomano venne sostenuto dall’alleato tedesco: secondo alcuni studiosi, il futuro regime nazista si ispirò a queste deportazioni per organizzare quelle degli ebrei.

Il dibattito è aperto: alcuni studiosi non riconoscono questo massacro come un genocidio perché non ritengono che dietro ciò ci fosse un preciso piano di eliminazione dell’etnia armena, intenzione che è invece confermata da altri studiosi, sottolineando il carattere nazionalista del partito dei Giovani Turchi, considerato responsabile di tale eccidio. Quel che è certo è che quasi un milione e mezzo di persone persero la vita: una cifra mostruosa, che meriterebbe più spazio nella memoria di tutti, Turchia compresa.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore