martedì, agosto 21

Accadde Oggi: finisce la guerra del calcio 20 luglio 1969: entra in vigore il cessate il fuoco fra El Salvador e Honduras

0

Quando si parla di un incontro sportivo particolarmente duro e violento, spesso si usa dire che quella partita è stata una guerra. È un’iperbole: non significa che, effettivamente, gli sportivi si siano affrontati con fucili e baionette. Quando le violenze si trasferiscono dal campo di gioco alle strade, fra tifoserie rivali o fra ultras e forze dell’ordine, si può dire che il livello di scontro si sia notevolmente alzato, ma non si può parlare di vera e propria ‘guerra’. Eppure, quando si parla di ‘guerra del calcio’ con riferimento allo scontro che vide coinvolti Honduras e El Salvador, non si compie un’esagerazione iperbolica, ma una mera constatazione dei fatti.

Le rispettive Nazionali andavano affrontandosi per decidere chi delle due dovesse qualificarsi per i Mondiali del ’70, ma la partita avvenne in un clima pesantissimo dal punto di vista politico-diplomatico. Storicamente, i due Stati non sono mai stati in buoni rapporti: nell’orbita degli USA, erano due nazioni prevalentemente agricole, dominate dal latifondo e dalle multinazionali. El Salvador, per una felice congiuntura economica e condizioni più favorevoli, cresceva a ritmi sostenuti e anche la popolazione aumentava di numero. Tuttavia, si ritrovò con una sovrabbondanza di popolazione rispetto alle risorse di cui disponeva. Nel 1967 El Salvador fece emigrare oltre 300 mila agricoltori nel mai troppo amato vicino Honduras (più povero e con maggiore disponibilità di terra), in seguito a un accordo con esso stipulato. A causa di forti resistenze interne, lo Stato honduregno requisì, solo due anni dopo, le terre agli emigrati salvadoregni, espellendoli: il livello di tensione si fece altissimo.

La partita, giocata in più turni e vinta da El Salvador, fu sede di prove generali dello scontro: il livello di violenza fu altissimo, con varie vittime su entrambi i fronti. Due settimane dopo il match, il 14 luglio 1969, iniziò dunque la guerra del calcio: durò solo pochi giorni (fu ribattezzata ‘guerra delle 100 ore’) e già il 18 si poté dire conclusa. Il 20 luglio 1969 entrò ufficialmente in vigore il cessate il fuoco, con il ritorno allo status quo. Era finita la ‘guerra del calcio’.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore