sabato, dicembre 16

Accadde Oggi: Chiesa Cattolica ed Ortodossa, non è mai troppo tardi 7 dicembre 1965: la Dichiarazione comune cattolico-ortodossa avvicina le due Chiese

0
Download PDF

Per la serie ‘Non è mai troppo tardi per fare pace’. La Cristianità ha subito, nel corso dei millenni, vari scismi, che potevano coinvolgere da comunità chiuse di pochi fedeli in polemica con la Chiesa centrale a comunità ben numerose.

Il Grande Scisma (chiamato scisma d’Oriente, dai cattolici, e scisma d’Occidente dagli ortodossi) del 1054, che portò alla separazione fra Chiesa Cattolica e Chiesa Ortodossa, fu sicuramente quello dalla portata più grande della storia. La vicenda ha ovviamente natura molto complessa e non può essere spiegata in poche righe, ma, per farla breve, sia il Pontefice di Roma che il Patriarca di Costantinopoli rivendicavano la propria egemonia sull’altro: non è un caso che le parole ‘cattolico’ e ‘ortodosso’ sono sinonimi e intendono entrambe che, la propria lettura del cristianesimo sia quella corretta.

Nel 1054, il Papa Leone IX e il Patriarca Michele I Cerulario si scomunicarono a vicenda e la frattura fu irreparabile: da allora le due Chiese ebbero vita separata. Con il passare dei secoli, qualche segno di avvicinamento fu tentato, ma il passo più grande fu compiuto il 7 dicembre 1965, quando Papa 07 annullarono vicendevolmente le scomuniche che gravavano sulle due massime istituzioni religiose da ormai 911 anni. Questo evento passò alla storia come ‘Dichiarazione comune cattolico-ortodossa’, venne letta in contemporanea da Paolo VI e da Atenagora, il primo in occasione del Concilio Vaticano II e il secondo in una cerimonia organizzata per l’evento. Si dichiarava solennemente che quelle scomuniche erano rivolte alle sole persone coinvolte e non alle due istituzioni e non intendevano pertanto rompere l’unità della Chiesa.

Nel video, alcune immagini dello storico incontro fra Paolo VI e Atenagora, avvenuto nel 1964, quasi a preludere la futura, storia dichiarazione che avrebbe avvicinato le strade delle due più antiche confessioni cristiane.

 

Commenti

Condividi.

Sull'autore