mercoledì, settembre 19

Accadde Oggi: arrivano i Khmer rossi 17 aprile 1975: i Khmer rossi prendono il potere in Cambogia

0

Pochi luoghi sono stati più vicini ad essere la rappresentazione fedele dell’Inferno sulla terra più della penisola indocinese degli anni ’60-’70. Si sono susseguite due guerre sanguinosissime come quella  d’Indocina, combattuta e persa dai francesi, e quella del Vietnam, che ha visto gli americani come infausti e sconfitti protagonisti. Poi, in questo terribile contesto, è emersa una delle dittature più folli e utopicamente rigorose, fino all’aperta crudeltà, di tutti i tempi. Stiamo parlando di quella dei Khmer rossi di Pol Pot in  Cambogia.

In questa rubrica abbiamo parlato più volte di dittature e spesso ne abbiamo parlato come se lo specifico regime oggetto dell’articolo fosse il peggiore di tutti. Come già detto, è impossibile fare classifiche, ma quello dei Khmer rossi raggiunse vette di crudeltà mai toccate prima o, probabilmente, già toccate in un solo contesto, durante gli anni ’30 e ’40 nella Germania nazista. Quello dei Khmer rossi era un movimento nato nel corso delle guerre combattute nella penisola indocinese e forgiatosi nella violenza di quel tempo. Era un partito comunista che, al termine del conflitto in Vietnam, prese il potere in Cambogia e perseguì un folle progetto di pulizia sociale e ideologica che portò alla morte un quarto dell’intera popolazione cambogiana.

Il 17 aprile 1975 iniziò il loro regime: venne distrutta tutta la classe colta – bastava avere gli occhiali per essere condannati a morte – e sradicata la struttura familiare alla base della società cambogiana, al fine di ristrutturarla secondo l’idea dei Khmer rossi – si arrivò a insegnare ai bambini di denunciare i propri genitori in caso di comportamenti sospetti. I metodi di tortura furono terribili e le esecuzioni sommarie e affidate agli stessi condannati a morte. Affidandosi al principio dell’autosussistenza, costrinsero la propria popolazione a morire di malattie curabili a soffrire la fame: la Cambogia fu attraversata da una carestia devastante. Il regime durò fino al 1979: abbastanza da far morire oltre un milioni di persone.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore