giovedì, luglio 19

Accadde Oggi: nascita di un Bantustan 6 dicembre 1977: il Bophuthatswana viene dichiarato indipendente

0

Fra le varie forme di Stato, una di cui si è sentito poco parlare è il cosiddetto ‘bantustan’. La parola deriva dall’unione fra la parola ‘bantu’, che significa gente, popolo, nelle varie lingue bantu, e il suffisso ‘-stan’, che indica una terra, una landa in persiano (da cui i vari Pakistan, Afghanistan, Uzbekistan e così via). Con questo nome venivano indicati, dapprima con un che di dispregiativo, oggi in senso più neutro, quelle aree che il Sudafrica, negli anni dell’apartheid, chiamava ‘homeland’ (o ‘thuisland’ in afrikaans) e che conferiva alle etnie nere, come una sorta di riserva, in cui venivano forzati a trasferirsi, con una forte limitazione negli spostamenti.

Erano tutte sotto il controllo del Governo centrale benché, sulla carte, possessori di una certa autonomia se non, in alcuni casi, formalmente indipendenti. È il caso del Bophuthatswana, uno dei quattro bantustan indipendenti: nonostante che fosse riconosciuto a livello internazionale solo da Israele, il 6 dicembre 1977 il Bophuthatswana venne dichiarato indipendente. Riservato all’etnia tswana, che, andando a far parte di uno Stato formalmente indipendente, perdeva la propria cittadinanza sudafricana, il Bophuthatswana era composto di sette enclavi sparse nel nord del Sudafrica e aveva come capitale la città di Mmabatho (preceduta, per un breve periodo, da Mafikeng).

Ebbe una vita molto travagliata e fu attraversato da due tentativi di golpe, che furono tuttavia prontamente repressi. Ciononostante, era il bantustan più ricco, potendo godere delle ricchezze delle miniere di platino della propria area e del casinò di Sun City, che attirava i ricchi sudafricani da tutto lo Stato, essendo il gioco d’azzardo illegale nel Sudafrica bianco. Con la fine dell’apartheid, si concluse la storia del Bophuthatswana e degli altri bantustan, che, nel 1994, vennero inglobati nel nuovo Stato sudafricano, finalmente unito. Nel video, possiamo ascoltare le note dell’inno nazionale di questo strano Stato, frutto delle vergognose politiche dell’apartheid.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore