giovedì, aprile 19

Sud Sudan, 2500 rifugiati in fuga verso l’Uganda ogni giorno

0

Continua a peggiorare la situazione dello sfortunato e giovane Stato del Sud Sudan, già martoriato da 3 anni di guerra e ora colpito da una gravissiva carestia che sta mietendo numerosissime vittime. Le aree rifornite di cibo sono precluse ai civili in fuga, e sotto costante presidio dei soldati, o semplicemente inaccessibili per via dei combattimenti. Le lotte politiche tra Presidente e vice-Presidente hanno portato il Paese a divisioni etniche sfociate poi in guerra civile. Il flusso di rifugiati in fuga verso il vicino Uganda ammonta a 2.500 sud-sudanesi al giorno.

I testimoni parlano di un tragico esodo durato più di un mese di viaggio, per raggiunger il campo profughi nel Paese. «Dei soldati hanno attaccato il mio villaggio. Ero al mercato e quando sono tornata a casa non ho più trovato mio figlio Isaac. Ho cercato a lungo ma non ho potuto trovarlo, e alla fine sono fuggita con i miei altri tre figli portando con me solo pochi vestiti».

Un’altra donna testimonia l’impossibilità di portare con se del cibo per sopravvivere durante la fuga: «avevamo delle provviste a casa, ma non potevamo prenderle. I soldati presidiano il villaggio a ogni ora del giorno. Inoltre abbiamo dovuto abbandonare parte dei nostri bagagli lungo il percorso».

Ancora non è chiaro quante siano le vittime del conflitto e della carestia, ma più di 3 milioni di persone hanno lasciato il Paese come rifugiati.

Video tratto dal canale Youtube ‘BBC News‘.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.