Politica Opinioni

Politica: il Contrappunto

2017, ecco s’avanza uno strano anno …

Tra Italia e mondo settimane e mesi che segneranno il futuro. Ecco come

corte-costituzionale
Advertising

«E fa saper a’ due miglior da Fano,/ a messer Guido ed anco ad Angiolello,/ che, se l’antiveder qui non è vano,/ gittati saran fuor di lor vasello/ e mazzerati presso a la Cattolica/ per tradimento d’un tiranno fello». Così Dante (Alighieri) nel XXVIII Canto dell’Inferno all’interno della sua ‘Comedìa’, poi ribattezzata ‘Commedia’ e definita ‘Divina’. Ci troviamo nell’VIII cerchio, IX bolgia. Dove stanno i seminatori di discordia. L’’antivedere’ è per il fiorentino espediente narrativo più volte ricorrente (e anche proprio con questo termine), pure se lui se la cavava astutamente anti vedendo quello che era già successo. Quanto a noi, nani sulle spalle di giganti, proviamo a capire, e proporre, le linee guida di quanto effettivamente potrebbe accadere in questo 2017, a partire dalle prossime settimane e mesi. Che già abbiamo provato a ‘prevedere’, ironicamente e sarcasticamente, con ‘LINDRO, un 2017 da paura. O speranza’, che poi recava ‘I 365 giorni a venire. Che stando a quelli già venuti…’ in ‘Italian Farm’ del 30 dicembre 2016. Ora lo facciamo realmente. Ma non escluderemmo l’avverarsi di alcune di quelle che non erano poi solo semplici boutades.

La bolgia italica si intreccia tra scontro anche giurisdizionale sui possibili Referendum sociali e nuova (nuova?) legge elettorale post Italicum, tra sentenze della Corte Costituzionale e interventi del nuovo (nuovo?) Governo postreferendario al proposito. La bolgia globale ha il proprio punto dirimente nell’insediamento di Donald Trump alla guida della prima (ancora prima?) potenza mondiale, gli Stati Uniti d’America. Un gennaio che darà molte indicazioni, non solo contingenti, ma ciascuna nel proprio ambito destinata a segnare molto tempo a venire, in qualche caso in maniera epocale.

E poi, poi… Partendo da casa nostra «Renzi, chi?» si potrebbe dire parafrasando la battuta del medesimo su un povero sottosegretario ed allora oppositore di partito, ché il contrappasso dantesco lo colpisce oggi con una scomparsa mediatica (e non solo), in parte voluta, in parte subita. Quanto al dopo Referendum sulla Riforma Costituzionale e Istituzionale dello scorso dicembre 2016 siamo ad una sorta di «Tranquilli, non è successo niente» dopo il suo esito. Sconvolgente, ma non poi molto nelle sue conseguenze pratiche. Quanto al resto del mondo, meglio allacciarci le cinture, ché dal 20 gennaio, Anno I° Giorno I° D.T. (Dopo Trump) nulla sarà più come prima. E quanto ai ‘seminatori di discordia’, nostrani e globali, vecchi e nuovi, sia il loro comportamento premio ad essi medesimi. E perciò vengano ripagati «misura per misura». E questo è Shakespeare. E questo è l’inizio…

Native Advertising

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>