Cuba – USA: e bravo Castro!

Svolta storica o ‘secondo tradimento’? Nell'interesse degli americani e dei cubani o di Obama e Castro?

Alocucion del presidente cubano RaUl Castro

Un accordo ‘asimmetrico’, fatto di nascosto, che favorisce solo il regime castrista e che cambia fondamentalmente la politica estera degli Stati Uniti, accordo che avrebbe forse richiesto un qualche confronto con le forze politiche del Paese, un qualche passaggio parlamentare, una qualche preparazione dell’opinione pubblica

giovedì 18 dicembre 2014 - 7:00

Ue su Palestina: solo procedure e consigli?

Parlamento-UE

Secondo l'analista Paolo Raffone: "La Corte si esprime per atti giuridici formali e non per assunti politici. Il Parlamento europeo ha una funzione poco più che consultiva. Servono le carte per capire meglio", ma gli effetti dei pronunciamenti di ieri di Tribunale e Parlamento sono più apparenti che reali

giovedì 18 dicembre 2014 - 9:30

Montaldo ricorda Carlo Lizzani

Lizzani

“Parlare di lui mi tocca il cuore, è come ricordare un fratello maggiore, un amico indimenticabile, un sodalizio che non è mai venuto meno, è stato lui, Carlo, a proiettarmi in questo meraviglioso precariato che è il cinema”

mercoledì 17 dicembre 2014 - 18:30

Gas Naturale

Egitto sull’orlo del collasso energetico

Investimenti inglesi per rilanciare esplorazione e produzione

gas egitto
Mentre Il Paese si dibatte in una crisi energetica senza precedenti, l'impresa britannica BP annuncia nuovi investimenti per rilanciare il gas egiziano. Riuscirà Il Cairo ad uscire dal buco nero energetico?
mercoledì 17 dicembre 2014 - 18:00

Petrolio e democrazia

Brasile, la sindrome della ricchezza

Intervista al politologo americano Michael Ross

Michael Ross - UCLA Political Science Dept. for UCOMM 120224
"Se i prezzi continueranno a calare per alcuni anni, immagino che verranno promosse aperture democratiche in Paesi come Iran, Russia e Venezuela. Il Paese contaminato dalla maledizione del petrolio? Sì, ed è un cattivo segnale"
mercoledì 17 dicembre 2014 - 17:00

Caos

L’instabilità dello Yemen diventa norma

Houthi al potere ma non controllano tutto il Paese

Yemen Houthi
Soltanto la parte meridionale e il suo hub centrale, Aden, restano fuori dalla portata degli Houthi. Dato che le fazioni stanno lottando per il controllo, cercando di colpire le nuove alleanze, il Paese rimane immobile preda di uno stato di estrema confusione e disordine

Supporta L'Indro attraverso una donazione o fai una visita allo Shop

giovedì 18 dicembre 2014 - 12:30

La disputa dei marmi travolge la Russia

Si permetterà all'arte di essere arte? Quando il prestito di una scultura diventa un affare politico

ilissos_scontro-grecia-gran-bretagna
Anton Cechov ha notoriamente affermato: “Il ruolo dell’artista è quello di porre domande, non dare risposte”. A più di un secolo dalla morte del noto scrittore russo, la verità della sua affermazione viene messa alla prova nel suo paese natio, nel bel mezzo di un acceso scandalo su un nobile britannico defunto e un antico capolavoro di Atene
Condividi
giovedì 18 dicembre 2014 - 12:00

18 Dicembre: Mattino

La favola dello schiaccianoci debutta a teatro; negli USA, tutti gli uomini sono liberi

Il 18 Dicembre 1892 debutta a San Pietroburgo il balletto 'Lo Schiaccianoci' di Pëtr Il'ič Čajkovskij; nel 1865 il XIII emendamento della Costituzione abolisce la schiavitù negli Stati Uniti.
Condividi
giovedì 18 dicembre 2014 - 10:30

Il segreto della longevità

Sei società superano i 100 anni di vita, avrebbero potuto essere di più. Ci si interroga sui motivi

thailandia aziende
Come mai solo sei società hanno compiuto 100 anni di vita in una Nazione che vanta una Storia che va all’indietro di 700 anni? Sompop Manarungsan, Presidente del Panyapiwat Institute of Management, ha fatto luce su alcuni aspetti correlate alla questione
Condividi
giovedì 18 dicembre 2014 - 6:30

Pakistan: se istruirsi equivale a morire

La strage di Peshawar e la virtuale dilagante ignoranza in Italia

Pakistan-strage-Peshawar
E’ così tragicamente evidente il significato simbolico della strage degli scolari (e insegnanti) perpetrata da un commando di Taliban l’altro giorno a Peshawar: 145 morti (di cui 136 fra bambini e docenti e 9 attentatori-killer) per distruggere l’emancipazione dei giovani
Condividi
mercoledì 17 dicembre 2014 - 19:05

Marò, guerra di parole

Richiamato l’ambasciatore in India. L’ex ministro Frattini chiede l’intervento dell’Onu

marò pinotti gentiloni
Dopo la decisione della Corte Suprema di Delhi di non concedere le ‘ferie natalizie’ ai marò la politica italiana reagisce. Ma le minacce di non spaventano gli indiani. La Corte d’Assise di Torino assolve i No Tav dall’accusa di terrorismo. Renzi pretende prima le riforme e poi il Colle, ma Berlusconi non ci sta
Condividi
mercoledì 17 dicembre 2014 - 19:00

Palestina-Cuba: è storia

Il si del Parlamento Europeo per uno Stato palestinese. USA e Cuba verso piene relazioni diplomatiche

Abu mazen
I messaggi da Bruxelles sono inequivocabili: riconoscimento dello Stato sulla base dei confini del 1967, soluzione a due Stati con Gerusalemme capitale, nuovi negoziati di Pace. Si riapre intanto il braccio di ferro diplomatico tra Italia e India sui marò
Condividi
mercoledì 17 dicembre 2014 - 18:50

Borse sensibili al rublo

Unione petrolifera, crollo nel 2014 del 20% della fattura energetica

rublo borse
Medvedev, ha convocato una riunione di emergenza sulla crisi valutaria nella sua residenza di Gorki. Rapporto Commissione Ue: "Ripresa fragile". Secondo Confindustria l’Italia non uscirà quest'anno dalla recessione ma allo stesso tempo conferma un ritorno alla crescita nel 2015
Condividi
mercoledì 17 dicembre 2014 - 18:40

Romanzo Quirinale .3

Re Giorgio, non Re Umberto: sul Colle chi vuole lui. Successione dinastica, magari di famiglia…

napolitano_giorgio
«Tutto richiede continuità istituzionale», ha ribadito Napolitano, e chi doveva capire ha capito. Significava anche una guida dello Stato in continuità con la sua. Lui non abdica, passa il testimone
Condividi